May 19 2008

20 consigli a Google per migliorare Analytics

autore: categoria: generale tag: ,

C’è un recente post di Ryan Spoon che scrive 20 consigli per migliorare Google Analytics, anche se la sua tesi è che Google non abbia molti incentivi per farlo, poiché il ritorno dell’investimento per Mountain View è in termini di dati e maggiori vendite di AdWords per chi decide di partecipare al programma.

Ve li traduco qui, in corsivo le mie eventuali considerazioni:

  1. Fornire delle API, per trasformare Analytics in una piattaforma e permettere a ogni sviluppatore di definire quel che vuole vedere.
  2. Renderlo real time. Ryan parla del giorno dopo, ma a me risulta che il tempo di analisi sia stato ridotto a 6 ore, e addirittura una sola ora. Non trovo la fonte ufficiale, ma se guardate un grafico orario di solo oggi lo potete notare da soli.
  3. Abilitare la raccolta di dati terzi. Praticamente tenere traccia di tutti i contenuti prodotti da un singolo utente, widget, eccetera, come fa Quantcast.
  4. Reintrodurre i grafici orari. In alcune sezioni sono tornati, ma sono d’accordo che sono molto utili praticamente ovunque.
  5. Export dell’intera dashboard. Spendo un sacco di tempo per personalizzare la dashboard e inserire i report che guardo più spesso e non posso esportarla?
  6. Abilitare accessi multipli alla dashboard. Spendo un’ora di tempo per personalizzare la dashboard, perché anche i miei colleghi dovrebbero farlo? perché magari guardano dati diversi? comunque è un’opzione interessante, non lo nego.
  7. Personalizzazione dei grafici. Scegliere la scala, ad esempio. I grafici attuali sono distorti e non permettono di immaginarsi una trendline. Mi sembra un fattore di complicazione potenziale, almeno per l’utente medio.
  8. Aggiungere le date agli export in CSV.
  9. Comparazione tra siti. Almeno tra i siti che gestisco io direttamente. Perché no? ha sicuramente un senso e mi sembra una opzione interessante che non richiede troppo sforzo.
  10. Aggiungere le linee di tendenza. Per esempio passando da una visualizzazione giornaliera a una settimanale, il dato settimanale corrente potrebbe trasformarsi in una trendline o in una previsione invece di scomparire.
  11. Aggiungere la comparazione giorno/giorno, settimana/settimana, mese/mese. Invece di dover selezionare il periodo, puntando il mouse su un dato si dovrebbe avere la comparazione al volo con lo stesso periodo precedente. Interessante anche questo, ma io e Ryan siamo evidentemente power users, Google deve pensare anche agli utenti normali e non sovraccaricarli di dati non richiesti.
  12. Associare i referral e le keyword con le pagine di contenuto. Quando guardo i top content vorrei conoscere qualcosa più dei semplici numeri di traffico. Datemi i principali referrals di ogni pagina, le keyword di ingresso, altrimenti devo fare altri 10 click o aspettare che si carichi la lista delle pagine. Anche qua non si tratta di un miglioramento funzionale, ma di portare su “di un livello” delle informazioni che già esistono. La valutazione è prettamente personale.
  13. Migliorare la velocità del sito.
  14. Migliorare la dashboard. Vorrei poter nominare ogni pannello e aggiungere link alle mie query personalizzate. Una specie di Igoogle.
  15. Renderlo Social. Analytics è usato regolarmente all’interno di aziende. Sarebbe grandioso poter comunicare o parlare dei dati all’interno del sistema. Una specie di Google Docs.
  16. Compatibilità Email / mobile. Vorrei poter schedulare i report per essere inviati via email in una forma diversa da quella attuale.
  17. Più obiettivi, più obiettivi. Effettivamente 4 sono troppo pochi. Ha ragione Ryan, se è un costo, fateli a pagamento. Chi è interessato pagherà.
  18. Informazioni sulla sessione. Non ci sono abbastanza informazioni sull’utente e i percorsi. Quali sono le pagine di uscita principali? come cambiano se gli utenti arrivano da nostre attività di SEO? c’è differenza tra utenti registrati e non? niente che però non possa essere tirato fuori con qualche filtro…
  19. Comparazione delle metriche. Si possono comparare informazioni di alto livello, ma mi piacerebbe fare una comparazione grafica fra due dati qualsiasi, ad esempio le pagine x, y e z usando pagine viste/visite e tasso di rimbalzo. Attualmente per farlo bisogna esportare e usare terze applicazioni.
  20. Rendere pubblici i dati (con il consenso dell’utente). E’ molto più di una caratteristica, e molto più strategica: permettere ai siti di rendere pubblici i dati per promuoversi, guadagnare nuovi utenti e capire come sono posizionati in una sorta di classifica. Per avere i dati pubblici dovresti restare ancorato a Google Analytics ed esisterebbe un ecosistema più ricco con nuove opportunità di ritorno. Questo porta a pensare a cose ancora più grandi: Google Hot Trends + Yahoo Buzz + Quantcast + Blogger. Mi sembra ben difficile che gli utenti vogliano davvero condividere i propri dati, ma forse sono condizionato da quel che sento in italia, in America magari sono più avanti.

C’è uno spunto interessante anche nei commenti, la possibilità di aggiungere eventi ai grafici in modo da avere riscontro visivo di determinati periodi temporali che possono (o devono) aver modificato i dati; mi sembra assolutamente un feature da avere :)

Condividi l'articolo:

9 Commenti

  1. come si fa a tracciare gli outgoing link con google analytics ?? ho visto soluzione un troppo faticosa cioe inserire un tag per ogni link che si immette nel blog !!

  2. esiste una libreria aggiuntiva creata da Francesco Terenzani che permette di automatizzare questa operazione, ma funziona solo con lo script vecchio. Alcuni CMS hanno dei plugin che ugualmente automatizzano tutto, altrimenti bisogna fare a mano.

  3. Marco, invece il nuovo script è già aggiornato per tracciare i download. Confermi?

  4. devo averlo detto più volte perché fino a un certo punto ne sono stato sicuro, ma non ne trovo riscontro né sul web né sulla documentazione: quindi no, valgono gli stessi ragionamenti del vecchio.

  5. Io vorrei la possibilità di riesaminare i dati alla luce di una nuova impostazione di obiettivi.
    Il fatto che gli obiettivi siano progressivati è veramente un limite, se si vuol fare analisi.

    Stessa cosa direi per il canale di step che porta all’obiettivo. Tutta quella parte dovrebbe essere dinamica. Capisco che ci vogliano molte risorse…

    Inserirei il supporto nativo, inoltre, per le chiavi cercate nelle campagne PPC.

  6. corretto ma in molti casi impossibile poiché si pone come obiettivo una pagina virtuale associata all’onclick. quei click sono persi per sempre. Però per la parte restante dei casi sono d’accordo.

  7. Quoto il fatto che 4 obiettivi siano troppo pochi. Sarei disposto a pagare per averne “n”.

Trackbacks

  1. Google Analytics andrà in tribunale · Google Analytics in 30 secondi
  2. Novità in GA 3.0: analisi di livello enterprise per tutti · Google Analytics in 30 secondi

Scrivi un Commento