Jan 31 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Raddoppia lo spazio per le variabili personalizzate

autore: Marco Cilia categoria: codice di monitoraggio tag:

Le variabili personalizzate sono un grande e prezioso tesoro di Google Analytics; come ho modo di ripetere durante corsi e consulenze, quando si tocca l’argomento, sono uno dei pochi modi che abbiamo per inserire dati arbitrari – scelti da noi – dentro al sistema di analytics. Infatti se un visitatore è nuovo o di ritorno lo decide lo script, guardando i cookies, idem per la keyword usata nella ricerca che ha veicolato la visita. Invece nelle custom var possiamo scrivere quel che vogliamo, e “appiccicare” valori arbitrari al visitatore, alla visita o alla pagina vista in quel momento.

I limiti delle custom var sono sempre stati: non più di 5 slot usati contemporaneamente (50 su Analytics Premium) e la lunghezza di nome + valore della variabile non eccedente i 64 caratteri. L’ultima revisione del changelog di Analytics ci informa invece che questo limite è stato raddoppiato: adesso nome + valore possono arrivare a 128 caratteri. L’ultima frase “Additionally, the length is now checked before URL encoding” mi fa tornare in mente un vecchio post letto chissà dove che affermava che in presenza di caratteri “non standard” essi andavano a erodere molti caratteri (per via dell’encoding). Pare che adesso la lunghezza venga controllata PRIMA di effetture l’econdig e l’invio a GA.

Altre modifiche di questo aggiornamento sono l’aumento del limite di eventi inviabili e un diverso modo di registrare il cookie __utmv (usa il separatore ^ invece della virgola).
Dato che c’è una nuova versione del codice di monitoraggio (la 5.2.4) e che è un po’ che non lo faccio, posto la lista dei motori di ricerca conosciuti dallo script. Sicuramente Babylon è nuovo, perché in alcuni miei profili lo vedo sempre nei referrer, altri nuovi non ne vedo (e manca sempre l’italiano arianna):


daum:q
eniro:search_word
naver:query
pchome:q
images.google:q
google:q
yahoo:p
yahoo:q
msn:q
bing:q
aol:query
aol:q
lycos:q
lycos:query
ask:q
netscape:query
cnn:query
about:terms
mamma:q
voila:rdata
virgilio:qs
live:q
baidu:wd
alice:qs
yandex:text
najdi:q
seznam:q
rakuten:qt
biglobe:q
goo.ne:MT
wp:szukaj
onet:qt
yam:k
kvasir:q
ozu:q
terra:query
rambler:query
conduit:q
babylon:q
search-results:q
avg:q
comcast:q
incredimail:q
startsiden:q


Jan 30 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Escludere dai report un referrer spam

autore: Marco Cilia categoria: filtri tag: ,

Avevo iniziato a scrivere un commento direttamente sul post, ma stava diventando troppo lungo per cui mi scuso sin da ora se ne faccio un post a mia volta. Mi è capitato l’occhio su questo articolo di Filippo Sogus su come filtrare i referrer spam forex-ninjas.com e rock.to, che alcuni di voi potrebbero aver visto nei propri report (a me è successo). Non conosco Filippo, e spero che non se ne avrà a male se faccio due correzioni, la prima delle quali mi consente anche di affrontare un equivoco che ho sempre dimenticato di chiarire su questo blog:

  1. il primo errore è nel filtro: “traffico dai domini” è la traduzione letterale di “traffic from domains” dell’interfaccia inglese, ma entrambe si prestano a un errore di base; quel che noi dobbiamo filtrare sono le visite con un certo referrer, mentre quel campo agisce sul dominio geografico del visitatore (il fornitore della connessione, ad esempio fastweb o tiscalinet). Si veda l’articolo dell’help ufficiale “che cos’è un filtro?“, dove si legge chiaramente “Escludi il traffico proveniente dai domini: utilizza questo filtro per escludere il traffico proveniente da un dominio specifico, ad esempio un ISP o una rete aziendale.”. Il filtro che serve a noi è quindi un filtro PERSONALIZZATO di tipo ESCLUDI, con campo filtro REFERRAL e pattern filtro forex\-ninjas\.com (oppure rock\.to).
  2. il secondo errore è nella frase “A questo punto, ritornando nei report Referral avrete una lista ripulita dai domini spammer.”. I filtri non sono retroattivi (i segmenti avanzati invece lo sono), quindi applicare il filtro avrà effetto solo dal momento in cui si preme SALVA in avanti. Ne consegue anche che un referrer spam può essere eliminato solo dopo che si verificano le prime visite, giacché è impossibile filtrare tutto preventivamente.

Giusto per dovere di chiarezza :)


Jan 26 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Due novità degli ultimi giorni

autore: Marco Cilia categoria: report tag: , ,

Periodo di fervore anche per tutto ciò che sta “intorno” a Google Analytics: prima di tutto Google ha annunciato che dal primo marzo farà un upgrade della sua privacy policy, che diventerà comune a tutti i servizi. Il nodo principale delle nuove regole è che se si è loggati in un servizio Google, loro potranno combinare i dati ricavati da quel servizio con altri ricavati da altri servizi, sempre mentre eravamo loggati (quindi ad esempio se facciamo una ricerca per “hosting ad alte prestazioni”, potremmo poi trovarci annunci di hosting su Gmail anche se stiamo leggendo una mail che parla di tutt’altro).

Questo ovviamente non ha nessuna implicazione sui dati memorizzati da Analytics, che riguardano i nostri visitatori (in forma anonima e aggregata), e che rimangono nostri.

Quel che invece potrà cambiare, dice il post ufficiale, è che potranno usare i dati di navigazione all’interno dell’interfaccia di GA; perché molti non lo sanno, ma sull’interfaccia di Analytics… c’è Google Analytics, anche se in un forma meno canonica. Ecco qua:

<script type="text/javascript" async="" src="https://ssl.google-analytics.com/u/ga_beta.js"></script>

e poi questa chiamata


<script type="text/javascript">ga.webanalytics.header.setHeaderInfo({"email":"LAMIAEMAILINCHIARO","gUrl":"https:\/\/www.google.com\/accounts\/","tabs":{"H":1,"D":1,"CR":1,"IN":1,"A":1,"R":1,"BF":1,"GO":1,"EC":1},"style":"ANALYITCS","tab":null});ga.webanalytics.header.setLoadBaseData(true);</script>

dal che si evince anche che loro, invece, tracciano eccome i dati personali che a noi sono proibiti.

La seconda novità è che il team di Google Webmaster Tools cambierà la metrica “posizione del sito nelle SERP” che viene riportata da GWT, e di conseguenza importata da Google Analytics. Prima la metrica era la media delle posizioni rilevate, e infatti aveva anche i decimali. Se per una data keyword il sito compariva in 2° e in 5° posizione, la posizione riportata era 3.5; che aveva poco senso in sè, ma ce l’aveva eccome se si teneva presente che era appunto una media. In base alle ricerche del team, secondo loro i webmaster vogliono invece sentirsi dire la “migliore posizione tra quelle riscontrate” e quindi nell’esempio precedente la posizione riportata sarà 2.

Tenendo presente che i dati già registrati non cambieranno, per un certo periodo avremo tutti dati magnifici :) dopo bisognerà tenere conto di questa modifica.


Jan 25 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Comparsate cartacee

autore: Marco Cilia categoria: generale tag:

Sono stato nuovamente intervistato su Internet Magazine, a dicembre, in una sorta di aggiornamento di quanto già discutemmo a ottobre 2008. Come per la scorsa volta, dato che il cartaceo non è più in edicola, ecco il pdf:

Scarica il pdf e leggi l’intervista.

Inoltre, come un piccolo prezzemolino, ti segnalo miei contributi sono presenti in questi due libri, che puoi comprare o prenotare:

  • Vendere online (Step by step) di Gianluca Diegoli: un libro per imparare a realizzare un ecommerce, con molti consigli utili e risposte alle domande più comuni che sorgono quando si decide di avviare un progetto di vendita digitale.
  • Web Marketing per le PMI (Web & marketing 2.0) di Miriam Bertoli: un libro che vuole spiegare un concetto ampio come il web marketing alle piccole e medie imprese, che molto spesso sono ancora legate a logiche di marketing molto poco digitali.

Un po’ per empatia e un po’ per come sono fatto, tendo a interiorizzare l’ansia degli autori verso le scadenze, quando mi chiedono questi contributi. Non so se riuscirei mai a scrivere un libro io stesso :)


Jan 23 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Addio Urchin, e grazie per tutto il pesce! *

autore: Marco Cilia categoria: generale tag:

Urchin at SESCon un annuncio a sorpresa, Venerdì Google ha sancito la “morte” di Urchin, il suo software di web analytics stand alone, installabile sul proprio server, dalla cui acquisizione derivò nel 2005 Google Analytics. Ovviamente essendo un software che si acquista e si gestisce in autonomia, “morte” non significa che esso smetterà di funzionare, ma che non saranno più vendute nuove licenze e non saranno rilasciate ulteriori nuove versioni.

Con questa mossa Google chiude definitivamente una sorta di “bipolarismo” che in alcuni clienti ha generato confusione: “ma perché due prodotti? che differenze ci sono? perché uno traccia l’utente singolo e l’altro no?”. Per altri clienti invece, quelli che per policy sui dati o restrizioni tecniche non possono/riescono a raggiungere i server di Google, questo è un problema e dovranno dotarsi di una soluzione alternativa o continuare ad usare l’ultima versione di Urchin ad libitum.

Io sono affezionato ad Urchin, per due motivi: il primo è che l’ho usato – anzi lo uso tutt’ora su un server aziendale – e l’ho sempre trovato straordinariamente semplice, nella sua configurazione base, e veloce; la seconda – e più importante – è che senza Urchin oggi non ci sarebbe Google Analytics, e che come ogni genitore che si rispetti oggi Urchin sa benissimo chi sopravviverebbe e chi no, chi ha senso che continui ad esistere e chi no, e quindi si fa da parte. Anche perché lo sviluppo di Google Analytics, alla luce delle considerazioni fatte qualche settimana fa, procede spedito e a ritmo esponenziale, mentre Urchin ha più o meno la stessa architettura di Google Analytics v1.

Dobbiamo quindi tutti ringraziare Scott e Brett Crosby, Jack Ancone e Paul Muret, fondatori della Urchin Software Corporation, e tutto il team che lo ha sviluppato per averlo fatto esattamente come lo hanno fatto. Era un bel pezzo di software, ed è diventato un gran bel servizio online. Uno dei servizi online di maggiore successo della storia, se sono veri i numeri sulla diffusione di Google Analytics che si vedono girare di tanto in tanto… :)

[* il titolo è una citazione del grande Douglas Adams. image copyright wikipedia]


Jan 19 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Actionable 404 tramite i custom alert

autore: Marco Cilia categoria: codice di monitoraggio tag: , ,

Il tracciamento degli errori 404 in Google Analytics non è di per sé molto complesso: a seconda del metodo scelto potete usare le pagine viste, le pagine virtuali o gli eventi, e potete avere più o meno informazioni riguardo l’errore, con un po’ di javascript aggiuntivo. Quel che di solito accade è che si imposta il tracciamento e lo si guarda ogni tanto, quando si ha tempo, o alla peggio soltanto nei due giorni successivi al setup.

Invece gli errori 404 sono molto fastidiosi per gli utenti, e andrebbero sanati con azioni mirate, con redirect o altro ancora. Per questo motivo Tim Leighton-Boyce propone sul suo blog un approccio leggermente differente alla cosa, cioè l’uso di alert personalizzati; gli alert personalizzati, che finiscono nella sezione Eventi Intelligence (scheda HOME nella v5), hanno tra l’altro il grande pregio di beneficiare della funzione “contributori principali“, che ci aiuta a spiegare i segmenti maggiori che hanno portato a quel risultato. Ciliegina sulla torta, se il 404 è generato da un sito esterno, c’è il link alla pagina incriminata. Come dice Tim: “GA mi dice che c’è qualcosa di sbagliato, mi suggerisce quale può essere la causa e mi aiuta a trovare velocemente una soluzione”. Come si fa a resistere?

I punti salienti del video sono:

  • assicurarsi che i 404 siano tracciati
  • impostare un goal (una microconversion, dato che di norma avere 404 non è lo scopo principale di un sito) su di essi
  • creare un alert personalizzato che si scateni se i 404 salgono di un tot (oppure se ce ne sono più di un tot) rispetto ad un periodo precedente.

Sono convinto che si poteva avere lo stesso risultato anche senza impostare un goal, perché le condizioni degli alert si possono applicare anche direttamente agli URL delle pagine, ma a tim piaceva di più così e così ve l’ho riportato. Altre cose utili che si possono fare sono aggiungere un widget dell’andamento dei 404 alla vostra dashboard e creare un segmento personalizzato che includa solo le visite che hanno visto uno o più 404.


Jan 13 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

meno cambi pagina per cambiare record analizzato

autore: Marco Cilia categoria: report tag:

Uno degli obiettivi maggiormente perseguiti negli ultimi tempi dal team di Google Analytics è quello di rendere la vita più facile a chi usa il tool tutti i giorni. L’ultima novità di cui mi sono accorto è la presenza di un nuovo menu a tendina che consente di cambiare record “al volo”, cioè senza dover rifare lo stesso giro che ci ha portato a selezionare il record corrente.

Ad esempio, sono nel report delle keyword e ne clicco una per vedere solo quella, per cambiarla prima dovevo tornare all’elenco e selezionarne un’altra. Adesso invece a fianco al breadcrumb compare una frecciolina, che se cliccata apre un menu a tendina con i record “fratelli” del corrente (ad esempio per le keyword così):

e la possibilità di effettuare una ricerca. La cosa è vera per tutti i report con almeno due record.

Il massimo sarebbe se tenesse in memoria anche la selezione della dimensione secondaria – cosa al momento falsa – ma non è detto che non sia perché la feature è nuovissima e ha bisogno di ancora un pochino di rodaggio.


Jan 12 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Conoscere la mail con la quale ci si è iscritti ad Analytics

autore: Marco Cilia categoria: generale

Forse non ci crederete, ma il forum di help ufficiale è letteralmente inondato da richieste di tre tipi:

  • richieste di riesumare account cancellati (Google può farlo, ma solo interi account e non singoli profili)
  • richieste di ritornare amministratori di account in cui l’admin è scomparso, o peggio è un ex-dipendente con evidenti intenti malevoli
  • richieste di conoscere la mail originale che ha aperto l’account

Almeno per questi ultimi casi è stata predisposta una form, a questo indirizzo
https://docs.google.com/spreadsheet/viewform?formkey=dEROdF9uQjF5cWV4Tk9qSzZzZndkcEE6MQ&ndplr=1, in cui è sufficiente dare l’indirizzo del sito, l’UA number relativo all’account e una mail dove essere contattati.

Se funziona tanto la rimozione da account non propri di cui vi ho parlato stiamo freschi, ma come sempre tentar non nuoce. Oppure le richieste vengono elaborate tutte insieme ogni tot giorni, non so…

[edit: nei commenti in realtà c'è il link ad una form per risolvere anche il secondo punto :) ]


Jan 10 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo giallo - articolo avanzato

ga:organicsearches nelle API

autore: Marco Cilia categoria: API tag: , ,

Mi scrive Imma con questa domanda:

non riesco a capire perché i dati che ottengo dalle API non corrispondono a quelli che vedo in analytics. Come metrica sto utilizzando ga:organicSearches, come intervallo di tempo tutto dicembre, e ottengo come risultato 1421, mentre dalla piattaforma di analytics mi risulta che le visite organiche siano 1520.

La prima risposta porta la soluzione del problema, cioè usare la metrica giusta: ga:visits, dimensione ga:medium e filtro ga:medium==organic
cioè con questa richiesta (cambiando opportunamente le date, ovvio):

https://www.google.com/analytics/feeds/data?ids=ga%3A284804&dimensions=ga%3Amedium&metrics=ga%3Avisits&filters=ga%3Amedium%3D%3Dorganic&start-date=2011-12-09&end-date=2011-12-09&max-results=1000

poi la risposta alla domanda “ma allora ga:organicsearches cosa è?”: secondo la definizione ufficiale rappresenta il numero di ricerche organiche che si verificano durante una sessione. Secondo questa risposta di Nick Mihailovski è un conteggio delle sorgenti organiche per una stessa sessione, quindi nel suo esempio di sessione organic > organic > ppc ga:organicsearches avrebbe valore 2. Ma la sua risposta è precedente al cambio del conteggio delle sessioni in GA, quindi oggi la spiegazione non è più del tutto aderente alla realtà. Poiché ogni volta che cambia il cookie __utmz viene creata una nuova sessione ga:organicsearches dovrebbe combaciare con la visite organiche, tranne per il fatto che quando si fa una visita da organico e poi si ritorna da traffico diretto, Google conteggia la visita come proveniente dal motore di ricerca. ga:visits per quella keyword si incrementa di uno, ma ga:organicsearches no.

E questo dovrebbe spiegare la differenza nei due valori.

[edit: il valore esiste anche nell'interfaccia: basta creare un Custom Report e aggiungere la metrica "Ricerche Organiche"]


Jan 09 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Landing page nel report traffico diretto

autore: Marco Cilia categoria: report tag: ,

Riallacciandomi brevemente a quanto detto sul traffico diretto nel post sulle canalizzazioni multicanale, mi sono accorto qualche tempo fa che il report in questione è stato leggermente variato. Infatti da qualche tempo si presenta già segmentato per pagina di destinazione, che è una dimensione furba per guardare al traffico diretto. Prima invece, se non ricordo male, non era dimensionato affatto, e l’utente doveva fare l’operazione manualmente.
Questo aiuta a vincere la pigrizia degli utenti novizi e “spacca” il mezzo (direct) sulle principali pagine di atterraggio, permettendo già di farsi un’idea di quali siano le pagine più bookmarkate, o più accedute da client per link senza i tag delle campagne, o digitate direttamente (anche se è già più difficile).

Sono quelle piccole variazioni che rendono più comodo lo strumento, senza stravolgerlo. Siete d’accordo con la scelta del team?