Oct 14 2020

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti semaforo giallo - articolo avanzato semaforo rosso - articolo per esperti

Google Analytics 4

autore: Marco Cilia categoria: codice di monitoraggio

Ottobre è il mese prediletto per lanciare nuove versioni di Google Analytics. Se non ricordo male infatti anche Universal analytics arrivò in questo mese, si vede che è di ispirazione per gli ingegneri 🙂

Se ho ben capito cosa intendono con questo naming, direi che:

  • Urchin.js è considerata la versione 1
  • il tracking asyncrono nelle sue varie forme è la versione 2
  • Universal Analytics è la 3
  • App+Web, espanso e rinominato, è appunto la versione 4

Iniziamo subito col dire che al momento non è chiaro – ma probabilmente è un “grosso NO” – se sarà possibile migrare i dati pregressi. La guida dice infatti di creare una nuova property per migrare a GAv4, e la cosa è sospetta nella misura in cui non si tratta di una vera e propria migrazione come siamo stati abituati sino ad ora: cambio il codice e via. Il problema, da quel poco che ne ho capito sinora, è che la struttura dei dati sottostanti (il database in cui sono memorizzati, per facilitare il concetto) è molto diversa da quella attuale, al punto da non rendere immediata o addirittura impossibile la coesistenza delle due cose.

Se così fosse ci troveremmo di fronte a un problema, ma anche a qualcosa di grosso: se gli ingegneri davvero arrivano a dire che bisogna “buttare via tutto”, o che comunque si può fare ma è meglio di no, allora significa che le potenzialità del nuovo strumento sono innumerevoli e molto ampie, e che ci credono tantissimo. E’ l’unica spiegazione che riesco a darmi.

Se ne volete un esempio, vi riporto questa parte di questa pagina dell’help sulla migrazione ecommerce a v4 (grassetto mio. tra parentesi, guardate quanto è lunga quella pagina, tanto per dire…):

If you are upgrading from a Universal Analytics property, you should leave your Universal Analytics implementation unchanged. Create duplicate events for your Google Analytics 4 property with updated names that are aligned with the new Google Analytics schema. You will have two independent implementations side by side, each doing slightly different things.

While it’s possible to use your existing Universal Analytics implementation for your Google Analytics 4 property, this is not advised.

Ma cosa avrà di nuovo questa versione 4?
L’interfaccia, sicuramente. Ancorché immatura, per usare un eufemismo, i report di App+web sono notevolmente diversi da quelli classici, lo sapete. Qui la cosa sarà accentuata ancora, man mano che saranno aggiunte nuove funzionalità.
Capacità predittive: stando a quanto si legge in giro, il sistema sarà in grado di fare previsioni, ad esempio di proiettare le revenue future o i churn. Machine learning everywhere, baby! 🙂
Integrazione migliorata con Google Ads e Youtube
Google Signals ovunque, approccio user-centrico (di nuovo, ma non era Universal quello user-centrico? 😉 ) e capacità di riempire i buchi che si formano a causa delle politiche sempre più restrittive dei browser. Questo un po’ mi spaventa, perché sinora nessuno aveva mai osato fare una cosa del genere: speriamo sia un processo un po’ più furbo di quel tipo che una volta mi disse “abbiamo 3 giorni di buco, mettiamo noi dei numeri a mano?” 🙂
Creazione di eventi dall’interfaccia: questa è interessante, se state collezionando eventi e vi accorgete che qualcuno sta sbagliando una nomenclatura, potete istruire l’interfaccia a correggere ed aggregare meglio i dati.
Consent mode, abbiamo iniziato a vederlo in giro (se come me navigate sempre con la console aperta e guardate il mondo “codificato”, come in Matrix 😀 ) ma sulla v4 sarà uno standard: la capacità di interagire direttamente con le preferenze di privacy degli utenti e di lasciare “appesi” i tracking fino a che l’utente non effettua una scelta.

Come al solito, chi vivrà vedrà. Perché di una cosa sono sicuro e ve l’ho già detta: stavolta non si tratta solo di cambiare il codice e attivare dei report nuovi. Stavolta è tutto nuovo, praticamente da rifare da zero. E’ una grossa opportunità per molti di ricominciare col piede giusto, e costringerà altri a fare scelte dolorose, a meno che non mi stia sbagliando di grosso e domani esca il pulsantone “premi e dimentica” 😀 Ma come tutte le grandi opportunità e le grandi sfide, la vinceremo con la solita caparbietà e un po’ di pazienza. E ora andate, e create tracking paralleli! 😛


Oct 11 2020

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti semaforo giallo - articolo avanzato semaforo rosso - articolo per esperti

Avete visto la nuova cronologia modifiche?

autore: Marco Cilia categoria: codice di monitoraggio

Se lavorate in azienda e magari siete gli unici a poter fare modifiche all’account Google Analytics che gestite, o in generale ne avete pochi e con poche persone che ci mettono mano, la cronologia modifiche è forse uno dei posti che controllate di meno in assoluto durante il vostro lavoro.

Ma se lavorate in una grande azienda, o peggio ancora in agenzia, sapete bene che la quantità di account moltiplicata per la quantità di persone che vi hanno accesso rendono il fatto di dover risalire a qualche momento nel passato per sapere chi ha fatto cosa una mera questione di tempo: prima o poi lo dovrete fare, e spesso lo dovrete fare con l’intento di dimostrare qualcosa, nel bene o nel male.

Quindi da parecchi anni esiste la cronologia modifiche dell’account GA, che però ha sempre avuto parecchie limitazioni, una su tutte una barra di ricerca davvero inutile che spesso costringeva a rileggersi tutto lo storico in cerca di fatti interessanti. Ebbene, l’altro giorno mi ci sono affacciato per risolvere una questione e l’ho trovata completamente rifatta, in meglio per fortuna.

Oltre alla possibilità di limitare temporalmente gli eventi mostrati, ora possiamo anche limitarli per PROPERTY. Comodissimo se la modifica che cerchiamo sappiamo stare in una property di un account con decine di esse.

Inoltre, con la ricerca avanzata vi sono ora tre filtri molto comodi per limitare ulteriormente la ricerca:

  • Tipo di “prodotto”
  • Tipo di azione
  • utente che ha fatto la modifica
parte della finestra per limitare il tipo di “prodotto”

In pochi clic ho trovato quel che cercavo, e sono stato contento che il team abbia introdotto questa novità. A volte aver dovuto rileggere tutta la cronologia è stato davvero frustrante, su account molto grandi.

[edit 13 ottobre: talmente abituato ad accedervi dalla colonna “account” non mi ero accorto che ora – giustamente – hanno introdotto anche la cronologia ristretta alla sola property. bravi!