Apr 28 2010

Aprile, tempo di changelog

autore: categoria: codice di monitoraggio tag: ,

Ci sono alcune novità in Google Analytics, ci informa il bollettino dei changelog. La più importante di tutte è che è stato finalmente corretto il baco che non permetteva di invocare la funzione _trackEvent() senza invocare anche _trackPageview() o _initData() (si veda questo vecchio post in proposito: initdata e tracciamento eventi). Da questo momento è quindi possibile avere una pagina che contiene il codice di monitoraggio di Google Analytics SENZA che essa generi una pagina vista ma che è in grado di tracciare eventi che accadono su di essa.

Un’altra novità è che è stato leggermente variata la sintassi del nuovo script asincrono, in modo da risolvere un problema che si generava su Internet Explorer 6 e 7 quando si posizionava lo script nell’HEAD della pagina; vi consiglio di dare un’occhiata al nuovo snippet – lo trovate qui – perché è abbastanza differente dalla prima versione apparsa.

Per chi invece usa il codice “classico”, è bene sapere che la funzione _getTracker() è stata deprecata. Non l’avete mai usata? dite? secondo me invece si, è una funzione che avete incollato OGNI SINGOLA VOLTA che avete aggiunto un codice di GA a una pagina.


<script type="text/javascript">
try {
var pageTracker = _gat._getTracker("UA-53707-19");
pageTracker._trackPageview();
} catch(err) {}</script>

Fa parte del codice standard e si invoca quando si crea il più famoso oggetto pageTracker. Sebbene l’interfaccia web ancora non rifletta questa modifica quando si crea un nuovo codice di monitoraggio, la funzione _getTracker non esisterà più, e al suo posto andrà usata _createTracker(), cui dedicheremo un post apposito appena avrò qualche notizia più certa. Sostanzialmente il nome dell’oggetto di tracciamento verrà impostato come un parametro di questa nuova funzione, come nella sintassi di esempio


_gat._createTracker('UA-65432-2', 't2');

Se non ho capito male poi ci si potrà riferire all’oggetto semplicemente con t2._trackPageview().
Non è un cambiamento epocale, ma rende il codice di monitoraggio classico più coerente con quello asincrono.

Condividi l'articolo:

3 Commenti

  1. Certo che proporre come codice standard una funzione deprecata… Ma si sa quando smetterà di funzionare la getTraker?

  2. @karminio, credo tu abbia frainteso quanto letto.

    Hanno si aggiunto una nuova funziona per il tracciamento come dice Marco, ma l’aggiunta non ne comporta l’automatica eliminazione, altrimenti da domani mattina tutti gli account smetterebbero di funzionare.

  3. E’ vero, “deprecato” in questo caso non ha la stessa valenza che in programmazione. E comunque la retrocompatibilità di GA è infinita, se pensi che ancora supportano il vecchio codice e tutte le funzioni mai apparse all’interno dello strumento. La loro politica è eliminarle man mano che la gente reincolla i nuovi codici, e di certo hanno sotto mano i dati per capire quando è il momento di dismettere il supporto 🙂

Scrivi un Commento