May 15 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Cosa sono le “impostazioni sociali”?

autore: categoria: social tag: ,

Escludendo i social-plugin, che richiedono un settaggio apposito sul sito, il bello dei nuovi report sociali è che si attivano da soli, senza bisogno di fare nulla. Nessuna azione è richiesta all’utente, e la magia si compie da sé. E allora che cosa è e a cosa serve quella tab che si vede accedendo all’Amministrazione di un profilo, quella tab chiamata IMPOSTAZIONI SOCIALI e che riporto nell’immagine in apertura?

Si tratta di una serie di campi (se ne possono aggiungere tramite il pulsante + posto alla destra del form) che permettono di AGGIUNGERE altre fonti da considerare nei social report. Cioè di URL che contengono contenuti sociali relativi al nostro sito. L’esempio che fa Google Analytics calza a pennello: il nostro canale youtube contiene sicuramente delle attività sociali, quindi è giusto farlo confluire nei report sociali. Ci sono però due cose da tenere a mente:

  1. molto importante: come sottolineato anche dalla schermata di configurazione, se si inserisce uno o più URL in quel campo è necessario anche riportare l’indirizzo del sito tracciato. Questo perché per impostazione predefinita i report sociali tracciano il sito impostato nel profilo di GA, ma se andiamo a toccare questo settaggio allora lui vuole la lista completa degli URL; mi sembra abbastanza assurdo, ma al momento è così.
  2. secondariamente: non immaginatevi di trasformare quei report in uno strumento di analisi della concorrenza. Non è che inserendo qualsiasi url i report sociali si popoleranno con i dati delle condivisioni e delle citazioni di quell’URL! ci ho sperato per un secondo anche io (ho provato a vedere cosa si diceva del sito nasa.gov 🙂 ), ma evidentemente non è così. L’help ufficiale ci viene in aiuto e recita “Activities data is only shown for properties from which your domain has received hits. (I dati delle attività vengono mostrati solo per le proprietà web dalle quali il vostro dominio ha ricevuto visite).

Vi eravate accorti di questa possibilità?

Condividi l'articolo:

5 Commenti

  1. Provo a fantasticare: se dal sito di un competitor abbiamo ricevuto una visita, allora possiamo inserire la sua URL tra queste impostazioni?

    Poi i dati, nei report di Google Analytics, dove vanno a finire? Hai già visto di quali metriche/dimensioni disponiamo?

  2. secondo me andrebbe fatto prima (e cmq quale competitor ti linka, a questo mondo? 🙂 ). Nei report va tutto sotto a sorgenti di traffico -> sociale -> pagine, e report collegati

  3. Per quello dicevo che provavo a fantasticare. 😀
    Era solo per comprendere il meccanismo.

    Grazie! 😉

  4. Ciao Marco,
    approfitto di questo post (e della tua gentilezza) per sottoporti un quesito.

    Ho impostato nei social plugin i like e unlike di Facebook, collegando le mie pagine allo script ga_social_tracking.js.

    Funziona bene, direi. Solo che accade questo: ho un certo numero di like sul mio post (diciamo 10) e ne vedo solo 4 in analytics tra le azioni sociali.

    Hai qualche esperienza simile al riguardo? E’ possibile che inserisca nel conteggio dei like sulla mia pagina qualche provenienza indiretta (cioè non proveniente direttamente dalla mia pagina, ma, per esempio, da Facebook)?
    Oppure (senti che perversione! :-)): potrebbe contare tra le azioni dei “social plugins” solo i like degli utenti loggati con l’account di Google?

    Grazie

  5. direi la prima: i like mostrati sono quelli totali per la pagina, ma GA registra ovviamente solo quelli fatti tramite il pulsante. Peraltro GA ti mostra le azioni sociali del periodo selezionato per il report, il pulsante invece no, non ti chiede per quale periodo 🙂

Scrivi un Commento