Mar 09 2010

E urchin.js?

autore: categoria: codice di monitoraggio tag:

Mi fanno notare via email che tempo fa avevo scritto: «Se fatta con le dovute cautele la migrazione è indolore, e vi permetterà di dimenticarvi della “dead line” di Google»

In realtà non c’è mai stata nessuna “dead line” e urchin.js è ancora lì, vivo e vegeto. E’ però stato sorpassato DI FATTO da ga.js, in sordina. Google ha preferito evitare un evento traumatico per l’utente come la sostituzione del codice entro una certa data, preferendo continuare a investire sul nuovo codice e lasciando ad ogni webmaster l’onere di capire se e quando sarebbe stato il momento di abbandonare il vecchio codice. Penso che la mossa sia vincente, perché da sempre uno dei punti forti di Google Analytics è “iscriviti, copia il codice e basta”, che è uno dei tanti motivi per cui oggi è così diffuso. Troppo spesso noi che lavoriamo in questo settore ci dimentichiamo che la maggior parte delle persone non ha approfondite conoscenze di javascript e linguaggi lato server, e che non sa nemmeno che esistono una marea di funzioni che si possono aggiungere al codice di monitoraggio. Copiaincollano oppure usano un plugin/modulo per il loro CMS e vivono felici.

Queste persone piano piano si rendono/renderanno conto che le nuove funzionalità offerte da GA sono pensate espressamente per il nuovo codice di monitoraggio e migreranno volontariamente – o con l’aiuto di qualcuno – a ga.js, rendendo di fatto inutile costringere alla migrazione. Ritengo che in effetti questa sia stata una mossa azzeccata per non intaccare nemmeno di una unità l’ampia base di utilizzatori della nostra piattaforma preferita di web analytics 🙂

Condividi l'articolo:

1 Commento

Trackbacks

  1. Migrazioni obbligatorie di codici • Google Analytics in 30 secondi

Scrivi un Commento