May 18 2013

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

GA Premium entra nei BigData

autore: categoria: ga-premium tag: , ,

Uno dei possibili motivi per optare per la soluzione Google Analytics Premium è quella di avere MOLTE visite, un numero di visite talmente alto da sforare il limite mensile consentito dalla licenza free e da costringere il sistema a passare all’elaborazione giornaliera invece di quella continua. Con un numero così elevato di visite poi, il dato campionato disponibile nell’interfaccia avrebbe un sample molto piccolo.

In questo caso la soluzione Premium, lo sappiamo, permette il download dei dati non campionati sotto forma di file gestibile con Excel. Però poi i dati su Excel ci devono ENTRARE. Cosa accade se debbo elaborare 4 file da 3 milioni di record l’uno senza che mi esploda il PC? 🙂

La nuova soluzione che Google propone ai suoi utenti Premium è l’integrazione con BigQuery (che a dire il vero si era sentita brevemente al momento del lancio di Premium, salvo poi sparire nel nulla), un servizio poco noto che consente di manipolare con facilità grandi quantità di dati, sfruttando le capienti infrastrutture di calcolo di BigG.

Durante il Google I/O è stata fatta una dimostrazione live, usando un dataset di 42 milioni di record e creando una interrogazione complessa (join nidificate con regular expression, per i curiosi) ottenendo il risultato in meno di 10 secondi.
Un tempo ridicolo considerando il valore potenziale di analisi di questo tipo, visto che tra l’altro BigQuery consente di caricare propri dataset e quindi integrare i dati che provengono da GA Premium!

Condividi l'articolo:

Scrivi un Commento