May 10 2017

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Google dice, Google fa, Google forse

autore: categoria: real-time tag:

Uno degli aspetti che a tutt’oggi mi lascia allibito di Google è la leggerezza con la quale fa (o non fa) gli annunci. Voglio dire, sei Google e ci sono milioni di persone che “pendono dalle tue labbra” professionalmente per sapere se e come cambierà la propria professione in futuro: se dichiari che cambi un aspetto dei tuoi strumenti, i professionisti devono studiare perché li usano, o perché ne rispondono ai clienti. Peggio quando li cambi senza dire niente, cosa che ogni tanto accade tutt’ora.

Questi sono due aspetti – bianco o nero – della stessa storia, ma in realtà ci sono anche tutte le sfumature intermedie: Google annuncia una cosa, e poi la cosa si fa, ma diversa da come l’han detta. Prendiamo ad esempio il fatto che GA360 è praticamente in real time in alcuni report. IN – ALCUNI – REPORT. Quali? non lo dicono, ma dicono quali NON LO SARANNO, vedi sempre il mio post precedente dove ad esempio dico “Tutti i report con almeno una tra le dimensioni Sorgente, Mezzo, Campagna”.
Ora, potrebbe essere che fossi ubriaco quando l’ho scritto, se non fosse che l’ho chiaramente copiato dalla pagina di help ufficiale

https://support.google.com/analytics/answer/7084038#where

“Reports that include the Source, Medium, or Campaign dimension”

Poi attivano la feature, apri il classico report sorgente / mezzo e…

voilà, near-real-time anche lì. Che per carità, se devo pensare a un report nel quale è utile – immaginiamo lo start di una campagna – è proprio quello, che però secondo l’help invece non dovrebbe goderne.

Oppure la nuova Home di Analytics: annunciata il 19 aprile, l’ho vista per sbaglio solo su un cliente, ma è sparita dopo un refresh. Non pervenuta.

Oppure i report “qualità della sessione” e “lifetime value”, addirittura non annunciati sul blog ufficiale, che è in silenzio da quasi un mese (vabbeh, mi direte voi, senti chi parla… 😀 ). Alcune volte mi domando se facciano dei test, tipo “vediamo quanto velocemente si diffonde la voce di questo nuovo report se non lo annunciamo”, ma non so darmi una vera e propria risposta precisa. Ci avete mai pensato? vi siete dati una spiegazione?

Condividi l'articolo:

1 Commento

  1. La spiegazione secondo me è molto stupida: non hanno una struttura definita per il rilascio delle comunicazioni. O magari la struttura e le procedure ce l’hanno, ma non hanno abbastanza risorse per renderla efficiente.

Scrivi un Commento