Jul 29 2009

Risultati illustrati come sorgente separata e con keyword

autore: categoria: filtri tag: , , ,

Qualche giorno fa mi ha scritto Maurizio Petrone con una domanda insolita, almeno per me: ha modificato un metodo noto per tracciare le ricerche Universal Search di Google per tenere conto solo dei click effettuati sulle immagini, ovvero quelli che Google stessa indica come “risultati illustrati” (vedi immagine sotto)

risultati-illustrati

Dico “domanda insolita” perché io non ho mai avuto un sito di foto come cliente, quindi non mi sono mai posto questo tipo di problema che invece è del tutto lecito. Guardando gli url di destinazione dei click (che sono poi i referrer dei siti monitorati con Google Analytics), per la ricerca “montagna” – sul mio browser e in questo momento, ma la sostanza non cambia – i risultati illustrati per una foto puntano a questo indirizzo

http://www.google.it/imgres?imgurl=http://agenda.filastrocche.it/wp-content/uploads/2008/09/montagna.jpg&imgrefurl=http://agenda.filastrocche.it/%3Fp%3D1849&h=600&w=800&sz=166&tbnid=Gvcrgtm0c9eaFM:&tbnh=107&tbnw=143&prev=/images%3Fq%3Dmontagna&hl=it&usg=__ePp09iMbJpQU99vjyP6TqM79NC4=&ei=2QdwSv6CJaGwnQPn-9G5Bw&sa=X&oi=image_result&resnum=5&ct=image

mentre i risultati di Google Immagini per la stessa keyword, e per la stessa immagine di destinazione, puntano invece a

http://images.google.it/imgres?imgurl=http://agenda.filastrocche.it/wp-content/uploads/2008/09/montagna.jpg&imgrefurl=http://agenda.filastrocche.it/%3Fp%3D1849&usg=__1RZ-MlgZ2o5X1eCCBAZnKb73aLg=&h=600&w=800&sz=166&hl=it&start=5&sig2=wSQ01ux59X1UE3WRa7VRUA&um=1&tbnid=Gvcrgtm0c9eaFM:&tbnh=107&tbnw=143&prev=/images%3Fq%3Dmontagna%26hl%3Dit%26safe%3Dactive%26rlz%3D1B3GGGL_it___IT259%26sa%3DN%26um%3D1&ei=IwpwSvunIcf0_AbX25SjCQ

tralasciando il dominio di provenienza (www.google.it piuttosto che images.google.it) potete vedere che le informazioni passate sono leggermente differenti. L’esigenza di Maurizio e di Globopix quindi è chiara, e lecita.

Quello che ci serve quindi è estrarre la keyword usata per la ricerca, cambiare il mezzo di provenienza e la fonte dell’accesso. Servono tre filtri per fare queste operazioni (hey, Google, a quando i filtri con output su più campi? 😉 ), e precisamente:

Risultati illustrati – cambia sorgente
Filtro personalizzato, avanzato
Campo A -> Estrai A -> Referral -> (.*)oi=image(.*)
Campo B -> Estrai B -> Referral -> prev=/images%3Fq%3D([^&]*)
Output in -> Constructor -> Sorgente campagna -> Google (risultati illustrati)
Campo A: Obbligatorio
Campo B: Obbligatorio
Sostituisci campo output: SI

Risultati illustrati – estrai keyword
Filtro personalizzato, avanzato
Campo A -> Estrai A -> Referral -> (.*)oi=image(.*)
Campo B -> Estrai B -> Referral -> prev=/images%3Fq%3D([^&]*)
Output in -> Constructor -> Termine della campagna -> $B1
Campo A: Obbligatorio
Campo B: Obbligatorio
Sostituisci campo output: SI

Risultati illustrati – cambia mezzo
Filtro personalizzato, avanzato
Campo A -> Estrai A -> Referral -> (.*)oi=image(.*)
Campo B -> Estrai B -> Referral -> prev=/images%3Fq%3D([^&]*)
Output in -> Constructor -> Mezzo della campagna -> Organic
Campo A: Obbligatorio
Campo B: Obbligatorio
Sostituisci campo output: SI

Questi tre filtri applicati a un profilo inseriranno una nuova riga tra le sorgenti di traffico, che potrà poi essere segmentata per parola chiave. Il lato negativo è che le frasi di ricerca composte da due o più termini, ad esempio “mare genova” vengono codificate nel referral tramite il carattere ASCII esadecimale %2B, equivalente al segno più (quindi mare%2Bgenova). Poiché un filtro cerca e sostituisci che tenti di cambiare qualsiasi cosa con uno spazio non si può fare, o lo cambiate esplicitamente con un + o lo tenete così. Non si può avere tutto 🙂 (o meglio, si può a patto di modificare tramite javascript il referrer PRIMA di inviarlo a Google Analytics, ma la cosa esula da questo articolo).

Una cosa interessante che ho notato è che nel referrer è presente anche l’indicazione della posizione dell’immagine cliccata. Nell’immagine qui sopra, cliccando per esempio l’ultima immagine il parametro resnum sarà impostato a 6: modificando il filtro risultati illustrati – estrai keyword in questo modo:

Risultati illustrati – estrai keyword e posizione
Filtro personalizzato, avanzato
Campo A -> Estrai A -> Referral -> (.*)oi=image(.*)
Campo B -> Estrai B -> Referral -> prev=/images%3Fq%3D([^&]*)(.*)resnum=([^&]*)
Output in -> Constructor -> Termine della campagna -> $B1 (pos: $B3)
Campo A: Obbligatorio
Campo B: Obbligatorio
Sostituisci campo output: SI

avremo anche la posizione dell’immagine nella SERP al momento del click 🙂

Condividi l'articolo:

13 Commenti

  1. Prima di tutto, vorrei ringraziarti anche pubblicamente per l’aiuto che mi hai fornito: sei stato di una gentilezza rara, e come sempre hai mostrato una competenza di livello eccellente.

    Forte la possibilità di tracciare anche la posizione! Penso che però questa informazione dovrebbe essere separata dalla keyword (dove va messa, dimmelo tu) per non duplicare le chiavi al cambio di posizione.

    Una cosa curiosa che ho notato, è che la posizione indicata in “resnum” non è la posizione all’interno dei risultati illustrati (valori possibili: da 1 a 4), bensì quella relativa ad Image Search. Nel tuo screenshot, la foto più a destra mostra “6” perchè questa è la sua posizione se cerchi “montagna” in Image Search 😉

  2. Straordinaria questa cosa, la bookmarko dritta e senza passare dal via.

  3. Maurizio, lo screenshot è modificato per esigenze di dimensione. Nei miei test la posizione coincide con la posizione della foto in SERP, esattamente come se mettesse una foto al posto di un URL. Infatti per la foto tre il tuo assunto non vale (almeno, sempre ora, nel mio browser, sul datacenter che vedo io, ecc.)

    Per il resto hai ragione, e la duplicazione delle keyword è un problema che avevo già segnalato all’autore di un’altra soluzione simile. Si potrebbe usare l’abusatissimo campo “definito dall’utente”, in quel caso però i filtri diventano quattro!

  4. Marco, la valorizzazione del parametro Resnum sembra sfuggire a regole intuitive, pare che vari quasi da caso a caso… la cosa va studiata.

    P.s. “in quel caso i filtri diventano quattro”… mi aggiungo al coro: “hey, Google, a quando i filtri con output su più campi?”

  5. E che ti devo dire! Un motivo di più per continuare a leggerti. Alla prossima.

  6. Una buona domanda ed una ottima risposta. Bravi ad entrambi.

  7. Ciao a tutti, mi interessa molto questo argomento; questi filtri permettono di tracciare le visite che provengono solo dai risultati illustrati oppure anche dalla ricerca immagini di google?

  8. non mi pare che i risultati di Google Immagini abbiano il parametro oi=image. Se è così no, il metodo funziona solo per i risultati illustrati.

  9. Ciao Fello,
    hai provato il metodo descritto qui?

  10. Ciao Fello,
    scusami, lì non c’è la soluzione… per tracciare separatamente la ricerca immagini, dovrebbe essere sufficiente inserire questa riga al tracker:
    pageTracker._addOrganic("images.google","prev");
    Ciao 🙂

  11. Grazie per i suggerimenti, in principio ho provato questo script: http://yoast.com/image-search-keyword-tracking-with-the-new-google-analytics/

    ma non mi sembra funzionare.

    Adesso provo immediatamente il suggerimento di Maurizio

Trackbacks

  1. Tracciare le ricerche Social Search • Google Analytics in 30 secondi
  2. GA per SEO: Posizione in SERP nelle variabili personalizzate • Google Analytics in 30 secondi

Scrivi un Commento