Sep 25 2013

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

La fine del report delle keyword

autore: categoria: generale tag: ,

Alla fine è arrivato il fatidico giorno, il “giorno dell’apocalisse SEO” predetto da quell’Ottobre 2011, quando Google iniziò a eliminare le keyword passate negli url referrer per gli utenti loggati ad uno dei suoi servizi. La percentuale dei (not provided) – questo il cappello che racchiude tutte le visite SEO senza keyword in chiaro – è andata via via crescendo di mese in mese, e da qualche settimana è schizzata in alto, come conferma il sito notprovidedcount.com.

La motivazione ufficiale è che adesso Google ha forzato le ricerche su protocollo SSL anche per i non loggati, la realtà (come ha scritto su Google plus il buon Enrico Altavilla) è che Google ha semplicemente smesso di passare la keyword, togliendola da suo primo redirect interno: altrimenti non si spiegherebbe come mai le keyword sono perse anche nei passaggi SSL -> SSL, che invece teoricamente dovrebbero preservarle.
Comunque sia, presto il report delle keyword conterrà l’unica chiave (not provided) nel 99% dei casi di visite da Google, e quindi perderà il suo peso per l’analisi disaggregata di quei visitatori, a meno che non si intervenga con dei filtri per spostare il focus sulla landing page, ad esempio.

La lamentela che sento andare per la maggiore è relativa al fatto che le query di ricerca sono ancora passate quando si clicca un annuncio pubblicitario; questo viene visto come una mossa di Google per vendere più pubblicità AdWords. Può anche darsi, ma vorrei esporre un ragionamento – del tutto personale – rispondendo alla domanda come farei io se fossi Google:

il problema “di sicurezza” non è tanto se dare o non dare la chiave, ma QUANDO dare questa chiave. Posto che quando nel 2011 Google iniziò a oscurare le keyword qualcuno dimostrò fisicamente che era possibile risalire a nome e cognome delle persone loggate, nel momento in cui il click viene fatto e il referrer è passato al client c’è effettivamente questa possibilità: la visita, l’identità e la keyword sono nello stesso istante nello stesso browser.
Nel momento in cui invece viene cliccato un annuncio AdWords, viene passato solo un gclid, totalmente anonimo. In modo asincrono poi Google prende quel gclid e interroga AdWords, facendosi restituire la keyword comprata, e di contorno anche quella ricercata. In tutto questo passaggio – che peraltro avviene non nel momento della visita e avviene completamente lato server – l’identità e i cookie del visitatore non sono tirati in ballo. Quindi secondo me, almeno da questo punto di vista, la posizione di Google è legittima.

Detto questo anche a me dispiace che il report delle keyword diventi inutile, quantomeno perché ciò inficia sulla valutazione delle performance di brand. Ho sentito proporre anche cose fantasiose tipo “Google dovrebbe criptare le keyword in hash alfanumerici, in modo da preservare la disaggregazione quantitativa tra le chiavi”, ma se posso vedere la query iniziale e il risultato criptato, a lungo andare l’algoritmo può essere scoperto, e ovviamente cambiarlo porterebbe all’impossibilità di comparare i risultati su archi temporali lunghi.

Quindi temo che a meno di cambi di idee dell’ultimo minuto, dovremo tutti farcene una ragione 🙁

Condividi l'articolo:

10 Commenti

  1. Riguardo al discorso privacy e annunci sponsorizzati… sarebbe bello se fosse così, ma ho verificato e la kw viene effettivamente passata nel referrer PRIMA di fare il redirect verso l’URL con il parametro gclid.

    A differenza dei risultati organici (dove il parametro q= è vuoto), la query è correttamente riportata.

  2. L’ultima è fantasiosa 😛
    Spiace anche a me ma credo che Google oltre che tutelarsi (forse la questione NSA non ha fatto altro che accelerare questo processo) ormai costringe sempre più a usare AdWords anche per la SEO. Comunque segnalo: http://notprovidedkit.com/

  3. La verità è che siamo di fronte a uno strapotere di Google, che fa quello che vuole, certo è una società privata ma il problema è che Google dovrebbe non ha un Competitor.
    Siamo al solito Far West del Web da parte dei vari Google, Facebook i quali immagazzinano tutti i dati possibili e immaginabili sugli utenti e poi parlano di Privacy.

  4. Martino, ha ragione, ma cambia poco, alla fine… è cmq un referrer interno

  5. Raffaele, lo strapotere glielo abbiamo dato noi, usandolo sempre di più. La domanda “perché?” credo abbia una risposta banale, quindi è inutile piangerci addosso 🙂

  6. Sono anni che dico di non credere mai a chi se la canta e se la suona per es. Sui click fraudolenti degli annunci PPC. Questa ennesima mossa unilaterale che i consulenti subiranno diminuirà’ ancora di più’ il potere e le possibilità’ delle agenzie e dei freelance per distinguersi dalla massa e permetterà’ solo ai migliori di non estinguersi. Tanto più’ vi omologherete al modello di report e attività’ permesse da google quanto meno riuscirete a dare valore aggiunto ai clienti facendo sempre più’ il gioco del monopolista di turno. Uguale discorso x facebook e simili ovviamente…

  7. Tra le keywords che non vedremo più c’era anche…il nostro brand, molto utile per misurare la portata delle ricerche sul nome del nostro dominio ed avere un’idea della popolarità del nostro marchio. Questa informazione è ancora disponibile in Google Trends ma mi domando…è ancora affidabile?

  8. non saprei, ma io la guarderei da webmaster tools

  9. Mi piace il tuo post, il tuo blog è tra quelli da leggere ogni giorno nel suo campo,
    sempre buone idee, ciao

Trackbacks

  1. Google Analytics e l’assenza delle keyword dalle statistiche | Matteo Moro

Scrivi un Commento