Dec 30 2008

Limiti di GA: 50000 url unici giornalieri

autore: categoria: report tag:

I limiti di Google Analytics sono più o meno noti: massimo cinque milioni di pageviews per account, se non si ha una campagna Adwords attiva, massimo cinquanta profili per account personale, massimo venticinque account personali, massimo quattro goal per profilo.

Esiste anche un altro limite, meno noto: nel report di un singolo giorno non vengono mostrati più di 50000 URL unici. Attenzione, non significa che non vengono registrati, solo non vengono mostrati. Ovvero, se in un singolo giorno il vostro sito espone 75mila URL differenti, il report mostra i primi 50mila in ordine di pageview e raggruppa gli altri sotto la voce (altro). Sul fatto che nessun dato venga perduto potete stare tranquilli: proprio perché gli indirizzi delle pagine vengono mostrati in ordine di pageview, è ovvio che se il 75 millesimo viene visto più volte di tutti gli altri verrà mostrato per primo nel report.

In questo post del blog ufficiale di Google Analytics vengono mostrati due metodi per ovviare a questo problema, ammesso che sia tecnicamente possibile. I due metodi infatti presuppongono che i vostri URL mostrino in chiaro un id di sessione o i parametri di ricerca del motore interno; se così non è potete creare un profilo-copia e filtrare gli url a maggiore traffico, come suggerito dalla pagina ufficiale di risoluzione dei problemi, ma personalmente è una soluzione che mi lascia perplesso.

In ogni caso questo è un limite che è bene conoscere prima di avere a che fare con siti di grosse dimensioni, ed è per questo che ve ne ho parlato: io l’ho scoperto solo durante l’analisi del sito di un cliente, andando all’ultima pagina del report “contenuti principali” 🙂

Condividi l'articolo:

3 Commenti

Trackbacks

  1. Aggirare il limite dei 50.000 URL giornalieri • Google Analytics in 30 secondi
  2. Come funziona il campionamento (ufficiale)? • Google Analytics in 30 secondi
  3. back to basics: la voce (altro) nei report • Google Analytics in 30 secondi

Scrivi un Commento