Aug 02 2015

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Non ti funzionano più i filtri IP? colpa del garante :)

Una delle azioni che praticamente tutti si sono prodigati a mettere in atto, per trasformare il cookie di Google Analytics da profilazione terza parte a tecnico secondo le indicazioni del garante, è stata quella di anonimizzare l’invio dell’indirizzo IP completo ai server di Google. Io stesso sulle prime ho risposto a chi mi chiedeva quali fossero le conseguenze con un laconico “perdi un po’ di precisione nei report geografici, ma niente altro”.

Al fine di salvaguardare l’impegno preso Google invece procede ad eliminare l’ultimo ottetto degli indirizzi IP ricevuti insieme ai dati di GA prima possibile, in modo da ridurre praticamente a zero le possibilità di registrarlo da qualche parte. Con “prima possibile” purtroppo si intende PRIMA dell’elaborazione, quindi anche prima dell’applicazione dei filtri.

La cosa (“in nessun momento viene scritto su disco l’indirizzo IP completo“) è chiarita in modo limpido in questa pagina dell’help:

Ad esempio, l’indirizzo IP 12.214.31.144 potrebbe essere modificato in 12.214.31.0. Se l’indirizzo IP è un indirizzo IPv6, gli ultimi 80 bit dei 128 vengono impostati su zero. Solo al termine di questo processo di anonimizzazione la richiesta viene scritta su disco per l’elaborazione. Se viene utilizzato il metodo di anonimizzazione IP, in nessun momento viene scritto su disco l’indirizzo IP completo, in quanto tutta l’anonimizzazione avviene nella memoria quasi istantaneamente dopo che la richiesta è stata ricevuta.

Se quello fosse proprio l’indirizzo IP dei dipendenti di un’azienda che prima dell’anonimizzazione era filtrato da un normale filtro IP, di colpo il 144 non viene più trovato (è sostituito da 0) e il filtro smette di funzionare.

La soluzione “cambio 144 con 0 nel filtro” sarebbe praticabile, ma escluderebbe anche altri 255 indirizzi IP validi. Al momento vedo alcune altre soluzioni percorribili, ma quelle più solide comportano un discreto sviluppo per comprendere anche i casi più difficili (configurazioni di rete particolarmente complesse in aziende medio-grandi). Ovviamente il TagManager ci può venire in aiuto, ma è basato su javascript e javascript non conosce l’indirizzo IP del client dove gira, quindi serve comunque uno sviluppo più o meno complesso, sempre a seconda della complessità in gioco.
Per tutto il resto, prendetevela col garante 😀

Condividi l'articolo:

3 Commenti

  1. Quindi Marco, se ho capito bene, la riga di codice aggiunta per anonimizzare gli IP in Google Analytics praticamente non fa nulla in più di quello che Google Analytics fa già ora di suo? Ho capito bene?

  2. affatto 🙂
    la riga modifica l’indirizzo IP inviato appena esso arriva in RAM a Google, impedendo quindi ai filtri basati sull’IP di funzionare correttamente. Analytics di suo manderebbe l’indirizzo completo.

  3. Ah ok, avevo capito il contrario e non mi tornava infatti.
    Grazie del chiarimento 😉

Scrivi un Commento