Jul 03 2014

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo rosso - articolo per esperti

Nuovo debugger interno al TagManager

autore: categoria: tagmanager tag:

Se usate il Google Tag Manager ad un livello medio/avanzato, immagino che sappiate di cosa parlo quando dico WASP, Observepoint, dataLayer inspector, dataSlayer… sono estensioni di Chrome il cui scopo è (anche) quello di mostrare i valori del dataLayer. questo perché il dataLayer non è statico e immutabile, una volta creato su una pagina, ma può subire modifiche grazie ai push e inoltre contiene anche dei valori che non sono inseriti da noi ma sono propri della sua esistenza, e che a volte tornano utili.

Da ieri gli ingegneri di Google hanno rinnovato – pesantemente rinnovato – la finestra di anteprima delle versioni del contenitore, passando da un anonimo frame con l’elenco dei tag e delle condizioni per cui partivano o meno ad una finestra piena zeppa di informazioni utili a spremere al massimo il dataLayer, sempre con l’intento di lavorare meno far risparmiare tempo e denaro ai clienti ( 😛 ).
Ecco come si presenta adesso la finestra

GTM-debug-UI

Gli elementi principali del cambiamento sono:

  • nel riquadro verde ci sono i tag che sono partiti. Ogni tag è cliccabile e riporta informazioni sulla sua confogurazione (valori, regole di invio, ecc). Stessa cosa avviene per i tag NON inviati, sotto.
  • nel riquadro blu ci sono gli eventi, in ordine di esecuzione, che vengono sentiti dal TagManager. Oltre che dare un’idea di cosa accade quando, quel riquadro funziona anche da filtro per i tag. Questo significa che se premo “pageview” ottengo la situazione dei tag al momento in cui il TagManager capisce su che pagina si trova, mentre se premo “page load” ottengo la situazione al momento della fine del caricamento della pagina (evento gtm.load), perché potrebbero anche essere cose diverse. Se c’è un push successivo, o un click, il riquadro impila ulteriori “momenti”, anch’essi ispezionabili.
  • il riquadro rosso invece di permette di ispezionare i tag, come abbiamo detto finora, oppure i valori delle macro (molto comodo sapere il valore di ogni macro in qualunque momento, permette di testare velocemente i falsi positivi senza ricorrere ad alert o console.log) oppure il valore complessivo del dataLayer. Il tutto sempre potendo filtrare per momento tramite il riquadro blu. Quindi ad esempio il dataLayer finale al caricamento di una pagina sarà diverso da quello visibile dopo un messaggio conseguente ad un dataLayer push

Trovo che questa visualizzazione sia un balzo gigantesco in avanti nella comprensione, e quindi nel miglior utilizzo, dello strumento da parte degli utenti. Il tipo di controllo che si può attuare è molto accurato e specifico, e in ogni caso si risparmierà tempo durante i setup, con beneficio di tutti. Credo che disinstallerò subito l’estensione dataSlayer 🙂

Condividi l'articolo:

Scrivi un Commento