Sep 23 2009

Parametri necessari in una campagna

autore: categoria: generale tag: , , ,

Marco, non mi ricordo mai quali sono i parametri obbligatori quando si crea una URL per una campagna di Google Analytics

Tranquillo, sei solo l’ultimo della serie, è una cosa comune (e comunque anche io ogni tanto devo dare una rinfrescatina 🙂 ). Come ho detto nel post dettagliato in cui descrivo come si gestiscono le campagne, i parametri obbligatori sono utm_campaign, utm_medium, e utm_source.

Ma che mondo sarebbe se qualcuno non si fosse preso l’onere di controllare se questa affermazione è totalmente vera? Così hanno fatto quelli di Lunametrics, arrivando a una conclusione inaspettata: fintanto che si include utm_source, la campagna funzionerà e il cookie __utmz verrà aggiornato correttamente, se invece il parametro manca il cookie non viene modificato affatto (esattamente come avviene usando il parametro utm_nooverride=1). L’inclusione del solo utm_source genera correttamente un record nel report campagne, attribuendo però al mezzo e alla fonte il valore di (not set).

Il consiglio dei ragazzi inglesi è quindi di mettere sempre per primo nell’URL l’utm_source, in modo che siano minimizzate le possibilità che esso venga troncato (si pensi ad esempio a un client email che fa l’accapo automatico dopo un tot di caratteri).

La cosa veramente buffa è che ho avuto un esempio sotto gli occhi per molto tempo, ma non ci ho mai fatto caso. Al vecchio URL cui puntava la campagna di Google Acqua che ho ospitato a inizio anno, e che è da poco tornata online, mancava del tutto il parametro utm_campaign, a meno che non fosse generato automaticamente lato server assumendo che tutti gli ingressi a quella pagina fossero provenienti dalla stessa – e unica – campagna.

Condividi l'articolo:

6 Commenti

  1. Ho trovato tra le serp di Google alcuni miei link comprensivi dei parametri delle campagne che ho impostato. Alcuni risultati delle serp comprendono nell’url “utm_source=FeedRSS&utm…”. Ovviamente questo sporca le statistiche di GA. Come si può evitare che vengano indicizzati anche i parametri delle campagne?

  2. mhhhh molto strano. Direi usando il canonical corretto, o agendo da webmaster tool. Non mi è mai capitato, ma propendo per l’errore temporaneo…

  3. Ciao Andrea,
    oltre a quanto segnalato da Marco se il problema fosse “solo” di uniformità in Google Analytics (quindi al di la dei parametri utilizzati) potresti escludere direttamente tali parametri da Analytics nelle impostazioni.

    Altrimenti come dice Marco agire sui canonica e wmt

    Ciaoo!

  4. @Mattia: non sono sicuro di ottenere il giusto risultato con il tuo suggerimento. Se da GA escludo i parametri “utm_source=…” questi non compaiono in GA ma continuano a comparire nelle ricerche di Google.

    Io vorrei che sparissero dalle ricerche di Google. Se compaiono nelle ricerche di Google link simili a sito.it/pagina.html?utm_source=… il referer che dovrebbe essere Google Organic diventa quello della Campagna e le statistiche si sporcano.

    @Marco: il canonical non saprei dove metterlo perchè le pagine e i feed sono completamente dinamici.

    Cerco di approfondire l’argomento. Grazie per i vostri suggerimenti.

  5. Ciao Andrea, si quanto da me indicato ti permette di pulire analytics ma non risolvere il problema in serp. L’ho suggerito come alternativa momentanea per risolvere il problema in modo veloce, anche se l’assegnazione a campagne differenti rimarrebbe.

    Per il canonical nelle pagine dinamiche non dovrebbe essere un problema, basta inserirlo nell’header della pagina: tuttavia il problema di assegnazione alla campagna sbagliata rimarrebbe fintanto che google non aggiorna la pagina dei risultati.

    Potrebbe essere una soluzione quella di forzare gli utm facendo un controllo sul referal? http://www.goanalytics.info/funzioni-per-campagne-senza-tag-google/ così fintanto che google continuerà a passare l’informazione con gli utm, il controllo permetterà di risettare l’informazione in modo corretto.

    Marco correggimi se sbaglio.

Trackbacks

  1. Tracciare tutte le campagne con Google Analytics | Mauro Ginelli

Scrivi un Commento