Oct 14 2008

Comprendere appieno il tempo sul sito

autore: categoria: report tag: , ,

Uno dei possibili parametri per definire delle KPI (Key Performance Indicator) su un sito è il tempo trascorso dai visitatori sulle nostre pagine. Questo dato è presente in Google Analytics, ed è conforme agli standard della Web Analytics Association, ma spesso noto molta confusione nell’interpretazione dei report relativi. Cercherò di farvi capire come funziona con esempi pratici:

La domanda tipica che mi sento rivolgere è all’incirca questa: “perché nella bacheca GA mi segna un certo tempo medio sul sito e nel dettaglio contenuti un altro?” (vedi la figura sotto)

valori di tempo sul sito in GA

La risposta secca è: perché il primo valore è la media del tempo sul sito, il secondo è la media delle medie del tempo su ogni singola pagina.
Google Analytics calcola il tempo su ogni pagina tramite la differenza tra il timestamp (preciso al secondo, calcolato in UNIX time) di ogni pagina meno il timestamp della pagina precedente. E di conseguenza il tempo sul sito è il timestamp dell’ultima pagina visitata meno il timestamp della prima.
Chiariamo con una schema:

home page – arrivo ore 00:00
pagina 1 – arrivo ore 00:10
pagina 2 – arrivo ore 00:12

il tempo sulla home page è di 10 secondi (10 meno 0).
il tempo sulla pagina uno è di 2 secondi (12 meno 10).
il tempo sulla pagina due è incalcolabile (quindi potrebbe essere 1 secondo o 29:59 minuti, non lo sapremo mai).
il tempo totale sul sito è di 12 secondi, ma la media del tempo su ogni pagina è di 6 secondi

Questo comportamento tra l’altro spiega perché i bounce hanno tempo sul sito zero, anche se le visite durano – diciamo – venticinque minuti: non esiste nessun timestamp successivo al primo (unico) disponibile, per cui non si può calcolare nulla.

ho la “fortuna” di avere tra i profili cui ho accesso un sito a bassissimo traffico (tra le zero e le cinque visite giornaliere) che mi permette di ridurre ogni singolo caso al livello di singola visita, cosa non possibile in presenza di grandi numeri e invece secondo me molto utile. Ho verificato sperimentalmente la cosa e ve la voglio mostrare

bacheca 11 ottobre

(bacheca 11 ottobre)

Nel periodo in esame ci sono solo due visite, una delle quali è un bounce. Sarà quindi facile escludere la pagina visualizzata da questo bounce e ottenere i dati per l’altra unica visita, di otto pagine. Il tempo sul sito è 2 minuti e 39. Ora guardiamo il dettaglio dei contenuti:

clicca per ingrandire

(clicca per ingrandire)

Come abbiamo detto, una delle due visite è un bounce, ed esattamente si tratta di una visita alla home page (riga 2). Quindi il resto delle pagine appartengono tutte all’altra visita. Ora, il tempo trascorso sulla pagina viene visualizzato da Google Analytics come dato puro nell’apposita colonna, e il tempo medio è mostrato in alto in figura. Quella è la media delle medie della singole pagine, esclusi i bounce. Infatti, riducendo in secondi, 26+3+6+54+72+147+10 = 318. 318 diviso 7 = 45 secondi.
Ma anche 318 diviso 2 (il numero delle visite) = 159 secondi, cioè 2 minuti e 39.

In chiusura voglio ricordare che le pagine virtuali create tramite la funzione trackpageview() sono a tutti gli effetti vere e proprie pagine viste, hanno un tempo sulla pagina calcolato nel caso in cui subito dopo venga vista almeno una ulteriore pagina contenente il GATC e contribuiscono al calcolo del tempo totale sul sito. Sempre date le medesime premesse, è altresì possibile conoscere il tempo medio speso dai visitatori sui singoli documenti tracciati con trackpageview().

Condividi l'articolo:

17 Commenti

  1. ottimo articolo, molto interessante grazie!

  2. Articolo perfetto.. Come sempre d’altronde.. Grazie per le tue chicche.

  3. stavolta mi sa che ho capito davvero…

  4. Lorenzo De Santis

    Ciao.. Ottimo articolo. Ho una domanda da porre in merito al tempo medio su singola pagina..

    Su alcune frasi chiave noto in analytics che il tempo medio risulta 0:00, questo accande con pagine viste 1,00 ma anche con pagine viste 2,00.

    Se cosi fosse è preoucuppante, vuol dire che il sito non è sempre disponibile.. Secondo una tua analisi perchè accade?

    In più com’è possibile che un utente vede 2 pagine e si ottiene una permanenza di 0:00..

    Grazie e a presto,
    Lorenzo

  5. Lorenzo De Santis

    Un’altro dato importante è che spesso, ma non sempre, la frequenza di rimbalzo risulta 0%.. Bha.

  6. direi che il tuo caso rientra in questo post
    http://www.goanalytics.info/keyword-con-valori-a-zero/
    🙂

  7. ammetto che forse mi sfugge qualche cosa, ho letto questo post però non mi torna come mai su alcuni miei siti il tempo medio sulle pagine sia più alto (anche molto) rispetto al tempo medio sul sito, mentre nel tuo esempio vedo il contrario, e infatti secondo l’esempio del tuo calcolo i miei dati non mi tornano.
    Aggiungo che il bounce rate è altissimo a causa di una campagna popunder sulla home del sito che genera un terzo di tutto il traffico (nel secondo sito invece nessuna campagna popunder ma stesso strano valore) … e grazie per le tue preziose risposte

  8. se non ricordo male, il tempo medio sul sito include anche i bounce, che hanno tempo uguale a 0, mentre il tempo sulla pagina no…

  9. Allora credo che sia a causa di quesot, a livello di sito il bounce è molto alto e quindi abbassa parecchio il tempo medio, mentre a livello di pagine questo incide meno e quindi il tmepo medio è più realistico, quindi mi conviene su questo calcolo escludere completamente la index , almeno fino a quando avrò la campagna popunder attiva.

  10. Ciao Marco, il blog è utilissimo!
    Avrei una domanda abbastanza strana:
    Da questo post si potrebbe capire che l’AVERAGE TIME ON SITE sia la somma dei ToP delle pagine divisto le visite (come scritto “318 diviso 2 (il numero delle visite) = 159 secondi, cioè 2 minuti e 39”).

    Allora ho provato a tirarci fuori qualcosa con i miei dati.Per facilitare ho preso in considerazione solo 1 giorno:
    N.B. si tratta di un segmento avanzato in cui non ci sono pagine che fanno bounce!!!

    Visite: 866
    P.V : 8461
    U.P.V. : 6062
    Avg Time on Site: 08:39 (519 secondi)
    Totale pagine viste: 20
    Somma dei ToP : 24:10 (1446 secondi)

    In teoria per avere l’AVG TOS dovrei fare 1446/866… ovviamente c’è qualcosa che non va.

    In generale c’è qualche correlazione fra la somma dei ToP e l’Average ToS?? Quale formula matematica usa GA per estrapolare l’AVG ToS??

    Grazie mille!!!Scusa il disturbo!!!

  11. il mio esempio quadra al secondo perché ogni pagina è vista una sola volta. E’ un esempio estremo funzionale alla comprensione dei concetti. Nel tuo caso (cioè in ogni caso “normale” 😀 ) il TOP di ogni pagina è la MEDIA dei TOP per pagina, riferito a tutte le visite, quindi il gioco non può tornare alla perfezione. Dovresti avere i singoli TOP di ogni pagina vista per poter riprodurre il mio calcolo.

    Per farti capire meglio: quando scrivi “Somma dei TOP” dovresti invece scrivere “somma delle medie dei TOP”

  12. Ciao! Ti ringrazio per la “guida”. Effettivamente fino ad oggi non mi ero mai spiegato come mai i post meno recenti o con poche visite (1-2) avessero sempre tempi di permanenza prossimi o uguali allo zero. In questo modo tutto torna, nel senso che se visitano una sola pagina, per GA restano sul sito 0 secondi, perchè non saprebbe quantificarmi il tempo effettivo e la cosa sembra avere senso. Quindi ti ringrazio del post, almeno ora guarderò con occhi diversi i miei dati.

Trackbacks

  1. Google Analytics sbaglia le misurazioni? · Google Analytics in 30 secondi
  2. Ancora sul tempo sul sito · Google Analytics in 30 secondi
  3. Google Analytics non ti dice il tempo sull’ultima pagina • Google Analytics in 30 secondi
  4. Calcolo del tempo sulla pagina • Google Analytics in 30 secondi
  5. 4 metriche che si confondono facilmente • Google Analytics in 30 secondi

Scrivi un Commento