Mar 16 2016

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Svolte epocali di un martedì qualsiasi: Google Analytics 360 suite

autore: Marco Cilia categoria: ga-premium tag: , , , ,

Quando annunciarono Google Analytics Premium ero in pizzeria. Ieri mentre annunciavano Google Analytics 360 suite ero in hamburgeria. Il connubio tra i balzi avanti del mercato delle analisi dei dati e la mia pancia è evidente, e sicuramente c’è correlazione e consequenzialità 😀

Quindi, quando agli albori di questo blog parlavo della cosiddetta “business platform“, credo – col senno di poi, è facile 🙂 – che parlassi proprio di questa suite, anche se non lo sapevo.

La nuova Google Analytics 360 suite, proprio come si intuisce dal nome, è un insieme di prodotti noti e nuovi che vengono unificati affinché possano esprimere insieme il proprio potere dirompente. Tutto nasce da Google Tag Manager 360, una specie di Tag Manager Premium che costituisce le fondamenta del sistema. Immaginiamo che avrà le stesse funzionalità del TagManager che già conosciamo, più qualche feature espressamente rivolta al mondo Enterprise e utile per l’integrazione con gli altri strumenti della suite. Google Analytics Premium diventa Google Analytics 360: al momento non hanno annunciato nessuna novità, ma è facile immaginare che una suite che produce più dati avrà bisogno di report e funzionalità nuove anche nel sistema che nella suite è preposto ad analizzare i dati e fornire gli insights. Adometry, comprato tre anni fa da Google, diventa Google Attribution 360 ed è stato riscritto da zero per meglio integrarsi nell’ecosistema di BigG. Attraverso Attribution 360 è possibile calcolare complessi modelli di attribuzione e media mix, anche on/offline (in USA ad esempio attraverso Adometry si può calcolare il ritorno dell’online sugli spot TV).
Google Optimize 360 è un nuovo strumento di test&target (il nome vi ricorda qualcosa? 😀 ): nelle intenzioni dovrebbe, a partire da un normale segmento di GA, creare un pool di utenti che possono essere oggetto o di un test (A/B test o multivariato, con interfaccia grafica per creare le varianti senza intervenire nel codice) o di una personalizzazione (mostrare contenuti diversi al pool selezionato).
Google Audience Center 360, altra grossa novità, è la DMP (Data Management Platform) powered by Google, in grado di prendere una utenza (ad esempio sempre dal classico segmento GA), espanderla con dati integrati come una qualsiasi DMP e sincronizzarsi con altri tool esterni. Sarà interessante capire come si integra con Doubleclick, perché sarebbe decisamente promettente!
A fare da collettore per tutto questo, Google Data Studio 360, uno strumento di reporting grafico collaborativo con i presupposti di Google Drive (collaboration, condivisione), l’import dei dati da prodotti Google (e sis spera terze parti) e una potente interfaccia grafica customizzabile per manipolare e mostrare i dati. Tanto per rendere l’idea, è qualcosa che si avvicina a un Tableau o un Klipfolio.

Come per tutte le novità succulente, non vedo l’ora di metterci le manine sopra e giocarci a più non posso! voi? 😀


Aug 12 2015

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

La trasformazione del report AdSense

autore: Marco Cilia categoria: report tag: ,

Stando a quanto dichiarato qualche giorno fa dall’account ufficiale Google+ di Analytics, presto vedremo comparire nei nostri Google Analytics una nuova sezione all’interno del gruppo di report “comportamento”: si tratta dei report “publisher”. In sostanza i report AdSense vengono assorbiti dentro a questa nuova sezione, e per chi usa solo questa piattaforma non cambia nulla se non il nome dei report. Tuttavia, ci tiene a precisare Google, dentro a quei report possono finire – previo collegamento da fare tramite il pannello di amministrazione – anche le performance di Ad Exchange Seller
Purtroppo al momento vedo in un mio account i nuovi report, ma se provo ad iniziare la procedura di collegamento mi viene fuori sempre un errore di risorse non disponibili, per cui non riesco a dare dettagli aggiuntivi rispetto a quanto dice Google nel suo post.


Jan 31 2015

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo giallo - articolo avanzato

Remarketing istantaneo e conversione valuta in AdWords

autore: Marco Cilia categoria: report tag: , ,

In ordine inverso rispetto al titolo, sulla pagina Google+ di Analytics ci dicono che AdWords adesso converte le valute da account che spendono diversamente da come avete impostato i report. Fino ad ora infatti se avete collegato due account AdWords al vostro GA, di cui uno in Euro e uno in yen giapponesi, il rapporto dello speso era meramente la somma: 100 euro e 100 yen contavano 200 euro, ammesso che la vista fosse configurata in euro naturalmente.

Da qualche giorno invece il sistema applica il tasso di cambio del giorno mediano del periodo selezionato (quindi su tutto gennaio prende il 15/1) e converte gli yen in euro. Il sistema non è esente da falle, è vero, se si pensa alle fluttuazioni che ci possono essere su periodi lunghi, ma per analisi brevi è sicuramente d’aiuto.

Altra novità su AdWords è la possibilità di attivare le funzioni inserzionista (remarketing, ma anche dati demografici) senza dover più modificare il codice di monitoraggio: se prima era richiesta la modifica di una riga (o una spunta aggiuntiva sul TagManager), adesso si può fare tutto comodamente da pannello di controllo (instant activation), andando su Amministrazione -> Impostazioni proprietà -> Attiva le funzioni inserzionista (beta).

Devo essere sincero, ho fatto due prove ma ancora non ho i risultati nel pannello, ma non capisco come faccia. Modificando la riga, nella versione classica del codice, si inviavano i dati Analytics al server doubleclick, forzando quindi anche l’invio del cookie doubleclick, che poi permetteva a Google di estrarre sesso, età e categorie di interesse.
Con Universal l’aggiunta della riga “require: displayfeatures” comportava che ad inizio sessione e poi ogni 10 minuti venisse inviata ANCHE una hit ai server doubleclick, con il clientID del cookie GA, che quindi permetteva l’associazione.
In questo modo, poiché il codice di GA è unico per tutti e non parametrizzato, cambiare un setting in piattaforma non produce nessun effetto nelle chiamate generate dal codice, quindi non c’è (o almeno, io al momento non vedo) modo affinché doubleclick sappia chi sono per Analytics. Farò altre indagini, perché ovviamente io VOGLIO sapere! 🙂

Altra piccola novità, sempre per i report AdWords, è l’introduzione della dimensione “numero di parole” per le query di ricerca. Si poteva fare con espressioni regolari, o esportando e usando Excel, ma naturalmente avere la possibilità di farlo direttamente dall’interfaccia è decisamente più comodo.


Oct 19 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Aggiornato Real Time e un’altra piccola novità

autore: Marco Cilia categoria: real-time tag: ,

A nessuno piace avere torto, questo è innegabile. A me nemmeno. Esiste però un’eccezione: quando io dico “no, questo è impossibile, Google Analytics non lo farà mai” e poi invece lo fa. Lo abbiamo visto quando ha introdotto gli unici per pagina, poi con il real time. A quel punto io ho sempre detto “non supporta i filtri perché la mole di calcoli, già adesso spaventosa, sarebbe ancora più alta”.
Ormai dovremmo avere imparato che se è solo una quesitone di calcoli e tecnologia, Google non ha problemi, e infatti ieri sul blog ufficiale è comparsa la notizia che da adesso il real time supporta i filtri di profilo.

Questo significa praticamente due cose: la prima è che vedrete meno dati, se guardate un profilo filtrato: fino ad ora avete sempre visto passare sul real time anche i dati che sarebbero stati successivamente filtrati in fase di analisi. La seconda è che adesso real time è disponibile anche agli utenti dei profili, e non sono agli amministratori.

Inoltre viene precisato che real time funziona anche con il monitoraggio delle applicazioni mobili, e per debug questa è un’ottima cosa, anche se le richieste spesso vengono accorpate in pacchetti e inviate tutte insieme, per cui potrebbe esserci un ritardo maggiore nell’aggiornamento del real time per una app.

L’altra piccola novità che ho notato è che la creazione guidata di un nuovo profilo presenta adesso un’opzione in più:

“dati di doubleclick” e che selezionandola il codice provvede automaticamente a inserire la chiamata a stats.g.doubleclick.net/dc.js invece di quella a google-analytics.com/ga.js: si tratta del codice necessario quando si fa remarketing attraverso Google Analytics.