Apr 19 2013

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Come schedulo un rapporto con confronto temporale?

autore: Marco Cilia categoria: report tag: ,

Nel giro di pochi giorni mi è arrivata tre volte questa domanda, e siccome tre indizi fanno una prova (di scarsa usabilità del sito) credo sia giusto esporre la procedura: tutti sappiamo più o meno come si crea un rapporto schedulato via email: si può usare il pulsante “EMAIL” nella barra superiore e aggiungere un report a una mail esistente o crearne una nuova. Oppure si può creare una dashboard e inviarla periodicamente a se stessi o ad altre email. Quando il sistema crea una email pianificata, ci chiede quando la vogliamo ricevere (una tantum, giornalmente, settimanalmente – scegliendo il giorno della settimana – mensilmente – scegliendo il giorno del mese – o trimestralmente).

A seconda della selezione effettuata, il report conterrà:

  • esattamente quel che vediamo (report una tantum)
  • dati del giorno precedente (report giornaliero)
  • dati della settimana precedente (report settimanale)
  • dati del mese precedente (report mensile)
  • dati del trimestre precedente (report trimestrale)

Ma se io volessi aggiungere il confronto con l’analogo periodo precedente? questa opzione non c’è quando schedulo la mail. Infatti per ottenere quel risultato devo semplicemente creare la mail mentre ho attivato il confronto temporale, non importa se il periodo che sto guardando sia o meno quello che poi mi aspetto di trovare nella mail pianificata. La casellina “attiva confronto temporale” agisce come un’opzione quando creiamo una mail pianificata. Casellina disattivata, il report contiene i dati di periodo, casellina attivata, il report contiene i dati di periodo raffrontati al periodo precedente.

Semplice, una volta che si sa come fare, no? 🙂


Mar 14 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Spediti verso la v5 definitiva!

autore: Marco Cilia categoria: report tag: , ,

Negli ultimi giorni c’è stata una grande accelerata nel rilascio di quelle migliorie che preludono il passaggio definitivo alla versione v5 di Google Analytics: il grande mantra di questi mesi è sempre stato “non faremo sparire la v4 fino a che tutte le sue funzionalità non siano passate alla v5”. E quindi abbiamo assistito prima a un piccolo redesign dell’interfaccia, con contestuale re-introduzione della condivisione di segmenti, custom report e dashboard, poi alla comparsa in alcuni account dei pulsanti “esporta in PDF” e “invia per email” (ad esempio Sebastiano Montino ce li ha, io ancora no 🙂 ).

La novità di oggi è che nella panoramica degli account sono tornate le stelline per selezionare solo i profili preferiti, e soprattutto una feature chiesta a gran voce da moltissimi utenti: la presenza dell’andamento dei profili direttamente nella panoramica. guardate questo screenshot (clic per ingrandire)

[edit: dopo poche ore quella visualizzazione è scomparsa. forse un test, forse è stata ritirata prima di andare live per tutti. vedremo nei prossimi giorni]

Non si può cambiare il periodo selezionato come nella vecchia versione (è bloccato sugli ultimi 30 giorni comparati ai precedenti 30), ma è comunque utile. E ora che lo rivedo, capisco quanto ne sentissi anche io la mancanza 🙂

Direi che non manca più molto al “pareggio” delle funzionalità e quindi all’abbandono della vecchia interfaccia. Decisamente in ritardo – fu annunciato il 2 novembre – ma comunque meglio tardi che mai. Vi ricordo anche la mia pagina radar, per essere sempre aggiornati sullo stato degli upgrade


Nov 02 2011

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Novità di novembre 2011

autore: Marco Cilia categoria: report tag: , ,

Piccole e medie novità per Google Analytics in questi giorni: alcune vi saranno molto gradite, altre dipende un po’ da come siete abituati ad usare lo strumento:

Iniziamo con le cose annunciate ma non ancora disponibili: nelle prossime settimane anche nell’interfaccia v5 torneranno disponibili l’export in PDF e l’invio schedulato di email. Per l’export PDF non ci sono novità di sorta (anche se voglio proprio vedere come e se si potrà esportare un goal flow con 5 step! 🙂 ), mentre l’invio schedulato di email sembra aver avuto un miglioramento di sorta. Guardando allo screenshot postato da Phil Mui sul blog ufficiale

email schedule in Google Analytics

si notano due differenze rispetto alla v4: si potrà scegliere il giorno della settimana in cui inviare il report (e non sarà più prederminato da Google Analytics) e si potrà decidere per quanto tempo far durare gli invii, utile ad esempio nel caso di campagne con termine già deciso a priori.
La notizia ottima è che si potranno anche inviare i custom report, la notizia “cattiva” (cattiva per chi non è già passato definitivamente all’interfaccia nuova ed è affezionato alla vecchia) è che a Gennaio 2012 la versione v4 cesserà di esistere e tutti dovranno usare la nuova. Anche le email precedentemente schedulate dovranno essere ricreate da zero e non potranno essere migrate.

Altra novità è l’introduzione di un nuovo tipo di ordinamento: oltre al classico ordinamento per visite, e a quello ponderato quando disponibile, se si attiva un confronto temporale sarà disponibile una nuova voce: “cambio assoluto“. In sostanza le righe del report saranno ordinate in base al numero assoluto di visite di differenza tra i due periodi, invece che in mero ordine di quantità di visite del primo periodo. Molto utile in alcune situazioni, io sento però la mancanza di un “cambio relativo”, cioè la possibilità di avere l’ordinamento in base alla percentuale di cambio tra i due periodi.

Ultima cosa di cui mi sono accorto, ma magari è vecchia di mesi, è che si possono cambiare i colori dei segmenti avanzati: o meglio, i colori sono predefiniti, ma si può scegliere quale colore deve avere ogni segmento. Ad esempio, nella visualizzazione classica con tutto il traffico, nuovi visitatori e visitatori di ritorno il primo è blu, il secondo arancione e il terzo verde. Se mi posiziono con il mouse sopra a “tutte le visite”, subito sotto al titolo del report (e quantomeno su Chrome), il cursore diventa una croce e posso trascinare il segmento al secondo posto, in modo che venga visualizzato in arancione, praticamente scambiando i colori. E la cosa vale anche per il grafico, ovviamente. (nell’immagine qui sotto non si vede il cursore purtroppo)

Piccoli miglioramenti, ma sempre utili in alcune circostanze!


Apr 09 2010

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo giallo - articolo avanzato

Come si crea un avviso intelligente

autore: Marco Cilia categoria: report tag: ,

Creare degli avvisi personalizzati nell’intelligence di Google Analytics significa dire esplicitamente a GA cosa vogliamo tenere sotto controllo, per quali eventi vogliamo essere avvisati.

Per farlo bisogna cliccare su “Intelligence” -> “crea un avviso personalizzato”, dopodiché bisogna dare un nome all’avviso, in modo che sia chiaro a cosa si riferisce; ad esempio “traffico in calo di oltre il 20%”. Per impostazione predefinita GA crea l’avviso nel profilo corrente, ma è comunque possibile estenderlo anche ad altri profili su cui abbiamo il controllo selezionandoli dal menu a tendina sottostante. Poi bisogna decidere il periodo di confronto, ovvero se l’avviso deve fare il paragone con il giorno precedente, la settimana precedente o il mese precedente. Dopodiché bisogna mettere la spunta all’opzione “inviami una mail quando si attiva questo avviso”.
La parte inferiore della schermata serve a definire le regole per l’attivazione dell’avviso. La parte in verde determina la dimensione da monitorare: ad esempio se vogliamo un avviso per il calo del traffico dovremo lasciare “applicabile a: tutto il traffico”, mentre se vogliamo un avviso sulle variazioni dei nuovi visitatori dovremo selezionare “applicabile a: tipo di visitatore”. Altri esempi di dimensioni sono città, campagna, pagina di destinazione, parola chiave, mezzo. Dopo aver selezionato la dimensione avremo la possibilità di inserire un filtro, analogamente a quanto avviene per i segmenti avanzati (ed infatti questo non è altro che un segmento di traffico).
L’ultima selezione invece determina la condizione vera e propria, ovvero quando dovrà scatenarsi l’avviso. Per restare nel semplice esempio iniziale, diremo ad Analytics “avvisami quando: visite” -> “condizione: % diminuisce di oltre” -> “20%”. l’ultimo campo è controllato dalla scelta temporale che abbiamo fatto più sopra.

Ecco la schermata per la creazione dell’avviso in questo esempio (clicca sull’immagine per ingrandirla):


Apr 05 2010

Arrivano gli avvisi intelligenti

autore: Marco Cilia categoria: report tag: , ,

In realtà gli avvisi intelligenti, cioè le email di allerta quando si verifica una o più condizioni specificate nell’Intelligence di Google Analytics, avrebbero dovuto funzionare da subito. Nessuno ha mai detto che sarebbero state attivate in un momento successivo, e nonostante svariati solleciti sul forum ufficiale nessun impiegato di Google è mai intervenuto per chiarire la situazione.

Da qualche giorno invece gli avvisi arrivano, in base a come sono stati impostati, come potete vedere dallo screenshot qui sotto

Si tratta di uno di quei casi in cui anche io sono costretto a tirare le orecchie a Google, che “dimentica” di aggiornare noi poveri mortali di ritardi nell’introduzione di feature o malfunzionamenti conclamati o meno.

Comunque adesso gli avvisi arrivano, buona analisi a tutti!