Oct 13 2010

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Essere i leader + fantawebanalytics

autore: Marco Cilia categoria: generale tag: , ,

Il leader di un settore è colui dal quale gli altri di solito traggono ispirazione, o che tentano a tutti i costi di soprassare con miglioramenti che lui non ha. In questi anni Google Analytics ha affinato le sue funzioni, e spesso le reazioni sono state del tipo “e quindi? Webtrends/Omniture/Unica/ecc lo fanno da secoli”, ovviamente tralasciando la piccola questione che Analytics è quasi gratuito. In occasione dello spostamento del forum ufficiale di Webtrends sulla piattaforma Getsatisfaction.com mi è caduto l’occhio su una discussione interessante: improving insights into rates – weighted sort algorithm, in cui sostanzialmente gli utenti chiedono a Webtrends di introdurre l’ordinamento ponderato, come ha recentemente fatto Google Analytics.

Una inversione di tendenza mica da ridere, non trovate? 🙂

Addentrandoci un momento nella fantawebanalytics, nei giorni scorsi sono uscite voci (sparate?) su un possibile interessamento di Microsoft in Adobe, per dare vita ad un gigante in grado di competere con Apple nel mobile (fonte businessmagazine, fonte ilsole24ore, fonte new york times).
Tralasciando le moltissime questioni per cui sarebbe o non sarebbe una idea sensata, Macity centra perfettamente la questione in questo articolo, pochi minuti dopo che l’ho pensato io. Google compra Adobe, diviene padrone di Flash e riesce a ottimizzarlo per i cellulari, e intanto si prende anche l’ex-Omniture, la sua tecnologia e tutti i suoi clienti. Gli scenari futuri sono però poi difficili da ipotizzare: dopo parecchio tempo GA e Omniture vengono fusi in un unico prodotto, oppure Google Analytics piano piano acquisisce funzionalità derivate da Omniture, oppure Omniture opportunamente modificato diventa il “Google Analytics Business”…

Se comunque la cosa si avverasse, vi invito a leggere quanto scritto nella terza previsione estrema di questo vecchissimo post 🙂


Jun 15 2010

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Campaignsyc, per taggare le vostre campagne Yahoo e Microsoft

autore: Marco Cilia categoria: generale tag: , , ,

logo CampaignSync

Il legame che esiste tra Google Analytics e Google AdWords, si sa, è molto stretto: con pochi clic i due strumenti si integrano e si può godere appieno dell’analisi delle campagne create e gestite tramite AdWords nei report di Analytics (specialmente adesso che i nuovi report sono stati rilasciati a tutti).
Le cose però si complicano un pochino quando si hanno delle campagne su Microsoft AdCenter e/o Yahoo Search Marketing, che non sono strumenti dell’azienda di Mountain View e che anzi rappresentano dei concorrenti per il sistema di acquisto di spazi pubblicitari di Google. Per questi due strumenti è lecito aspettarsi che non ci sarà nessun tipo di agevolazione che renderà meno oneroso il lavoro necessario per avere i dati dentro a GA: bisogna taggare manualmente gli URL delle campagne create su quegli strumenti.

Però siccome il mondo è bello perché vario, e almeno nel web spesso anche molto “open”, qualcuno ha creato uno strumento che facilita almeno un po’ il lavoro, anche se non di molto: si tratta di CampaignSync, strumento gratuito che prende in carico un file CSV (valori separati da virgole) esportato dagli strumenti Yahoo o Microsoft, e restituisce un file CSV da re-importare completo degli URL di destinazione (unico URL per tutte le campagne o URL differenti per gruppo di annunci) e dei necessari parametri per permettere a Google Analytics di tracciare la provenienza.

CampaignSync è gratuito in questa versione, mentre non è chiaro se lo continuerà ad essere nella release 2 che gli sviluppatori stanno ultimando.


Aug 04 2009

Un serio concorrente free per GA?

autore: Marco Cilia categoria: generale tag: , , ,

Forse il titolo non è del tutto corretto; concorrenti free per Google Analytics ne esistono, e alcuni di essi sono molto flessibili, al punto che non è affatto escluso che per alcuni progetti non siano da preferire allo strumento Google. E’ che da quando c’è notizia dell’accordo Microsoft-Yahoo tutti si sono concentrati sull’aspetto search, che giustamente la farà da padrone, e pochi sul resto, ad esempio sugli strumenti di web analytics.

Se ricordate bene, qualche mese fa Microsoft ha chiuso il suo programma AdCenter (ex Gatineau, ex DeepMetrix) in modo definitivo perché scontenta degli scarsi risultati ottenuti fino ad allora. Yahoo, per contro, procede a gonfie vele con YahooWebAnalytics (ex IndexTools), tanto che da poco hanno aperto un programma di assistenza ufficiale sulla falsariga dei Google Analytics Authorised Consultants. La domanda che mi frulla in testa è: perché Microsoft non dovrebbe “portare in dote” il suo team e il suo know-how di AdCenter a Yahoo per potenziare YWA? Ragioniamo un attimo:

  • il punto due del post riassuntivo del TagliaErbe parla di “esclusiva sulle tecnologie di ricerca”, quindi non tocca altro che il search.
  • il punto cinque invece tocca da vicino: il display advertising resterà separato, e YWA è dato gratuitamente ai publisher di questa tipologia.
  • il punto sei sembrerebbe calzare a pennello: Yahoo continuerà a innovare, anche foraggiata da tecnologia Microsoft.
  • quanto al punto sette, non possiamo considerare AdCenter un prodotto di Microsoft, perché formalmente non esiste più.
  • AdCenter era molto forte nella segmentazione demografica dei visitatori, essendo basata e integrata su cookie Microsoft presenti in buona parte dei computer mondiali (basti pensare agli iscritti a Windows Live Messenger, o Windows Live, tanto per citarne un paio). YWA ha una funzione simile, ma non mi risulta sia così potente.
  • Il team di AdCenter deve essere stato dirottato su altri progetti (si parlava del futuro Microsoft Commerce), ma ritengo sarebbe più contento e stimolato se confluisse nell’equivalente Yahoo.

Insomma, a parte un punto da risolvere, vedo solo benefici per questa ipotetica fusione di prodotti. Considerato che i dati dei visitatori sono un grande veicolo di conoscenza per i motori di ricerca, non credete anche voi che Microsoft e Yahoo dovrebbero dare vita a questo grande concorrente di Google Analytics?