Feb 11 2015

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo rosso - articolo per esperti

Cosa sono le analisi coorte?

autore: Marco Cilia categoria: report tag: , ,

Apparse negli account già da qualche giorno, soltanto oggi la pagina Google+ di GA ci rende edotti del fatto che le analisi coorte sono tra noi: le analisi CHE???

Le cohort analysis sono analisi basate sul tempo che servono a mettere in relazione il comportamento degli utenti che hanno manifestato un certo tratto in comune in un dato lasso temporale. Più facilmente, di solito, si tratta di guardare all’evolversi di una metrica da parte degli utenti che sono stati insieme sul sito in un dato momento.

Se vi ricordate, era già possibile fare qualcosa di simile usando una delle ultime feature dei nuovi e potenziati segmenti avanzati:

Schermata 2015-02-09 alle 23.07.56

Le analisi coorte sono simili, ma godono di una rappresentazione visuale tutta loro, e molto carina.
Esempio classico, ovvero come si presenta il report appena lo aprite: NON potete selezionare il range temporale, perché le coorte comprendono già un arco temporale tutto loro (ultimi 7, 14, 21 o 30 giorni): di default gli ultimi 7 giorni escluso oggi. Al momento l’unica coorte possibile è sulla data di acquisizione, cioè il primo giorno del periodo. La dimensione può essere il giorno, la settimana o il mese, la metrica predefinita è la fidelizzazione, cioè il fatto che gli stessi utenti tornino o meno sul sito nei giorni (settimane, mesi) successivi.

Quindi come si legge il report? innanzitutto si noteranno due cose, la prima è che il totale degli utenti non corrisponde al totale degli utenti unici del report PANORAMICA per lo stesso periodo. La seconda è che quel numero è la somma dei singoli giorni. ORRORE, direte voi – lo sanno anche i bambini che i visitatori unici non si sommano mai (cfr. the hotel problem)! corretto, se non che quel numero in realtà NON è il mero numero di visitatori unici di ogni giorno, ma credo si avvicini di più al numero di nuovi utenti.

Per ogni riga quindi viene indicato quanti dei nuovi utenti ritornano negli n giorni successivi. Variando la metrica il report varia di conseguenza, e la colorazione delle celle anche.
Si tratta di un report molto importante, che acquista ancora maggiore valore se utilizzato in una vista che fa uso dello USERID di Universal Analytics, che quindi sorpassa il problema dei device multipli e della moltiplicazione degli utenti.


Jan 27 2015

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

TOTALE! Anche GA ora ha il suo “cestino”

autore: Marco Cilia categoria: generale tag: , ,

A quanti di voi è mai successo di cancellare una vista (ne ho visti tantissimi), una property (meno, ma erano dolori) o un account (me ne hanno raccontato uno, una volta)?
La procedura per recuperarli è sempre esistita, con restrizioni più o meno ampie, ma era farraginosa e necessitava l’assistenza di un partner certificato Google Analytics, o qualche santo in terre AdWords/Analytics.

Poco fa il team ha annunciato che invece, a partire da adesso (ma se fossi in voi non sperimenterei tanto per fare… :P ) le cose cancellate finiranno per 35 giorni in un “cestino” ispezionabile a livello di account, da dove si potranno poi recuperare. Una feature che allinea il prodotto agli standard cui ormai siamo abituati da anni su Gmail e Google Drive, ad esempio.
Per i più curiosi ecco l’articolo dell’help con i dettagli, ma attenzione, secondo me c’è un errore: nell’esempio 3 la dinamica iniziale è identica all’esempio 1, ma il risultato diverso poiché di vuole restorare una vista. Credo che in realtà l’esempio che volessero fare sia questo:

  • V2 è spostata nel cestino. Successivamente, Account A è spostato nel cestino. Ripristinare V1 automaticamente ripristinerà P1 e A1, ma non V2. V2 rimane nel cestino.

In ogni caso, una bella funzionalità, che come al solito vedremo comparire negli account progressivamente, nel giro di qualche settimana.


Nov 20 2014

Più dati in una sola schermata

autore: Marco Cilia categoria: report tag: , ,

“ah, vedrai che ora con Premium aggiungeranno solo cose a pagamento”.
Se tenessi il conto delle volte che ho sentito questa frase dovrei usare le dita col sistema binario, ma la cosa più interessante è che ogni mese essa viene smentita dai fatti, ma si ripropone più o meno ciclicamente.

Da qualche giorno invece, in sordina, potete fare anche sulla versione free alcune cose nuove molto interessanti:

  • Potete creare custom report con CINQUE dimensioni annidate (prima erano quattro)
  • Potete creare custom report di tipo “tabella piatta” con CINQUE dimensioni primarie, e VENTICINQUE metriche (prima erano due dimensioni e non ricordo quante metriche)
  • Potete fare “traccia righe” con SEI dimensioni (prima erano quattro)

flat table

Personalmente ho già risolto un problema con le “nuove” flat table, niente di insormontabile prima, ma così ci ho messo pochi click :)


Oct 20 2014

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Esporta e importa configurazioni dal TagManager (e nuova interfaccia)

autore: Marco Cilia categoria: tagmanager tag: ,

Qualche giorno fa è stata svelata al pubblico la nuova versione dell’interfaccia del Google Tag Manager, uno strumento sempre più popolare ed interessante per velocizzare il digital marketing moderno. Le novità sono tante, ma una in particolare è passata completamente inosservata nei post che ho visto in giro: da adesso è possibile esportare e importare intere configurazioni. Tutti voi dovreste vedere una nuova voce nel menu attuale del GTM:

GTM-export

L’export avviene in formato JSON, mentre l’import può comportare due opzioni:

  • L’import sostituisce completamente il contenitore corrente
  • L’import unisce il contenitore importate con quello corrente

Oltre che essere utile per la migrazione all’interfaccia nuova, che vedremo tra poco, questo consente anche di avere un contenitore “repository” con tutto lo scibile che si può mettere a disposizione, e di usarlo velocemente per creare configurazioni alle quali basta poi togliere le feature inutili. Attualmente infatti ogni nuova configurazione riparte da zero.

Per quanto riguarda le altre novità, una strettamente collegata è l’introduzione delle API del TagManager. Ad esempio l’ottimo Simo Ahava ha già prodotto un primo “clonatore” di configurazioni, oltre a dun visualizzatore delle dipendenze di tag e regole. Come sempre, Google ha capito che fare un’API darà ampio respiro al prodotto e permetterà a molte persone di guadagnare dei soldi, man mano che le esigenze e le soluzioni aumenteranno.

E veniamo all’interfaccia, completamente rinnovata: la cosa più semplice è provarla andando su tagmanager.google.com, avendo bene in testa però che non esiste un processo di migrazione dei contenitori. Attualmente quindi avete due possibilità:

  • Continuate ad usare la vecchia interfaccia per i vecchi contenitore e la nuova per i futuri
  • Usate l’export e l’import per migrare alla nuova versione

In futuro, ha già chiarito Brian Kuhn su Google+, ci sarà la possibilità di fare opt-in per un processo di migrazione automatica, quindi niente paura!
Le novità principali sono:

  • gestione di account e contenitori in stile “Google Analytics”, nella sezione Admin: le colonne e le icone vi risulteranno molto familiari. Anche la possibilità di filtrare per nome “al volo” sarà molto utile a che gestisce decine o centinaia di account (uno a caso, ad esempio :) )
  • overview migliorata, con il differenziale delle modifiche non ancora andate online. Questo può salvare ore di lavoro, perché ogni tanto ho visto fare modifiche nella bozza del contenitore, provarle in preview e dimenticarsi di pubblicare per il resto del mondo!
  • le regole ora si chiamano TRIGGERS, e funzionano leggermente in modo diverso da prima. Ovvero i triggers hanno sempre almeno due condizioni per essere definiti: CHE EVENTO si sta aspettando e DOVE lo si sta aspettando (definito tramite un filtro)
  • i tag di listener non esistono più: sono stati resi impliciti nel fatto che se ho un trigger di tipo EVENTO CLICK sulla pagina X, allora dovrà per forza esserci anche un listener di click. Keep it simple! :)
  • le macro ora si chiamano VARIABILI. Ha molto più senso così, non s’era mai capito perché la scelta di quel nome niente affatto parlante per i profani. In aggiunta, le variabili create automaticamente dal GTM quando si crea un contenitore possono essere nascoste, se non servono.

All’inizio ho trovato un po’ spiazzante la nuova interfaccia, ma sto iniziando ad abituarmici. Vi consiglio di fare delle prove perché non si tratta di un passaggio completamente “liscio”, secondo me. E’ in ogni caso un deciso passo nella direzione giusta. Prossimamente mi aspetto l’introduzione delle “cartelle” di tag, per mettere ordine negli account più grossi, una migliore gestione del multi-utente, con permessi differenziati per team distribuiti e magari anche un processo di approvazione multi-livello.

Sempre in tema di novità segnalo anche il rifacimento dell’estensione di Chrome “Tag Assistant“. Qui al momento continuo a preferire la versione vecchia, ma chissà…


Sep 12 2014

A volte ritornano: riecco il benchmarking

autore: Marco Cilia categoria: report tag: ,

Non tutte le ciambelle riescono col buco, e alcune volte i report di Analytics vengono ritirati. Se non bastano le lamentele sparse su forum e gruppi di discussione, una rapida occhiata alle statistiche di Google Analytics SU Google Analytics (ebbene sì, è una specie di Matrix :) ) è in grado di dire agli ingegneri “questo report non se lo fila nessuno”.

Questa sorte è probabilmente accaduta al vecchio report del benchmark, che però rivive oggi in una forma tutta nuova e, permettetemi di dire, bella sgargiante! Il blog ufficiale infatti ci informa che nelle prossime settimane tutti avrete accesso alla nuova funzionalità, che sarà attivata se e solo se avete preventivamente deciso di condividere anonimamente i vostri dati con Google (Amministrazione -> impostazioni dell’account -> “anonimamente con Google e altri”).

benchmarking-v2

Quando tutti saranno abilitati nella sezione di report PUBBLICO comparirà una nuova sottocategoria, tradotta in italiano con “Analisi comparativa“. Al suo interno, tre report:

  1. Canali: è il report che vedete nello screenshot sul post ufficiale. La dimensione impostata è Channel, le metriche sono le classiche ABC (Acquistion, Behavior, Conversion) e ogni cella è colorata con tonalità dal verde al rosso, a seconda che il risultato ottenuto dal nostro sito sia migliore o peggiore del campione di paragone. Il colore si può eliminare, così come la numerica di comparazione. In questo senso trovo il report molto bello e agevole da leggere, e spero che questa visualizzazione venga estesa anche in altre parti dello strumento.
  2. Località: qui la dimensione principale è il paese/zona di provenienza degli utenti
  3. Dispositivi: dimensione principale è categoria del dispositivo (desktop, tablet, mobile)

Interessanti le metriche che è possibile posizionare sul grafico: oltre alle metriche secche ci sono anche metriche “dedicate”, tipo “differenza % nuove sessioni rispetto al benchmark”. Infine, la domanda principale: contro chi o che cosa sto confrontando i miei dati? in testa ad ogni report sono presenti 3 grandi selettori, uno dedicato all’industry (o vertical, come amano dire gli inglesi) – e ne potete scegliere una tra circa 1600 – uno dedicato al Paese/Regione (no, in Italia niente province, mentre in Francia ad esempio si) per filtrare i dati e uno dedicato alla dimensione dei siti in base al traffico giornaliero (da siti piccoli 0-100 visite al giorno a siti enormi da oltre centomila visite al giorno). Nessuno mi vieta di confrontare il mio piccolo ecommerce di ferramenta con un colosso giapponese di articoli da giardino, ma avrebbe poco senso. I valori stimati da GA all’inizio dovrebbero essere più che sufficienti…
In ogni caso dopo aver modificato i valori di riferimento, Analytics mostra un avviso che indica quante properties fanno parte del benchmarking per quella particolare selezione. Sempre utile per tenere a mente il contesto.


Jun 30 2014

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Ricapitoliamo quel che succede…

autore: Marco Cilia categoria: generale tag: , , , ,

Manco da un po’ di tempo, ma ci tengo lo stesso a darvi un po’ di notizie su cosa è accaduto nel mondo Google Analytics e dintorni nel frattempo :)

Partendo dal blog ufficiale, Premium ottiene le API non campionate; attraverso di esse si possono ottenere informazioni sui report non campionati esistenti, si può creare al volo una richiesta di report non campionato, si può controllare lo stato di avanzamento del calcolo di un report non campionato e infine si può avere il link dal quale scaricare un report non campionato.
La feature è utile perché, come al solito, permette di integrare al di fuori del pannello operazioni che tipicamente possono essere svolte solo da dentro all’interfaccia: nel caso di Premium la cosa è ancora più utile perché non tutte le funzioni aziendali hanno accesso a tutti i report e tutti i dati, e molti si basano sull’uso di API per interrogare solo i KPI di interesse. Se però i KPI di interesse sono fortemente campionati, fino ad ora non c’era altra possibilità che andare sul prodotto e richiedere il report unsampled, mentre adesso anche questa operazione può essere svolta tramite API.

Altra novità recente è la suddivisione semi-automatica tra le keyword di brand e quelle non di brand; il sistema provvede ad estrarre quelle che secondo lui sono le chiavi di brand, ma è ovviamente possibile modificare a piacimento la configurazione. Una volta terminata questa oeprazione Analytics chiederà di poter creare due nuovi canali nel raggruppamento predefinito dei canali: uno per le chiavi di brand e uno per quelle unbranded, che si andranno a sostituire progressivamente al canale di default “Paid Search”. Questa classificazione esiste soltanto per le chiavi a pagamento (non solo per AdWords), mentre per via del fenomeno delle (not provided) non si può applicare (e non avrebbe senso farlo) al traffico organico.

Per quanto riguarda le novità di prodotto vere e proprie, segnalo che per l’ennesima volta è stata rifatta l’interfaccia dei segmenti avanzati, sia nella parte di visualizzazione sia nella parte di creazione.
La nuova visualizzazione dei canali ora si presenta così

Schermata 2014-06-30 alle 23.25.45

se non volete a tutti i costi usare la freccia verso il basso per rimuovere un segmento, vi svelo un trucco: basta trascinarlo ‘via’ :)

L’interfaccia di selezione ora si apre per impostazione predefinita in modalità “verticale”, garantendo finalmente la leggibilità dei segmenti con i nomi più lunghi:

Schermata 2014-06-30 alle 23.28.52

E’ stato introdotto anche un comodo selettore “selezionati”, che provvede a scremare soltanto i segmenti attivi: quante volte volevate togliere un segmento e siete stati costretti a scorrere più volte su e giù il menu perché non li trovavate? :)

Ho notato da qualche giorno che nelle dimensioni secondarie è comparso un raggruppamento “ora”. Sebbene data, ora e ora del giorno siano sempre stati selezionabili, adesso il numero di dimensioni è molto più cospicuo e comprende cose interessanti come ad esempio:

  • giorno del mese
  • giorno della settimana
  • mese dell’anno (03) e mese dell’anno (201403); pessima traduzione di due concetti diversi :-/
  • minuto (001036, inteso come minuto del giorno) e minuto (05, inteso come minuto dell’ora)
  • nome del giorno della settimana
  • settimana ISO dell’anno ISO

e altri ancora. Quando si fanno analisi granulari sono dimensioni che possono tornare MOLTO utili…

infine giovedì e venerdì scorso si è tenuta la prima edizione italiana dell’ Emetrics summit, evento di caratura mondiale dedicato esclusivamente al mondo della misurazione. Oltre ad aver incontrato Jim Sterne, padre fondatore della web analytics e della Digital Analytics Association, e ad aver rivisto molti amici e colleghi, Tommaso Galli ha tenuto uno speech dove tra l’altro ha ribadito con questo video l’importanza di usare un TagManager per la gestione dei tag di marketing. Un po’ quello che cercavo di spiegarvi qualche tempo fa, sotto un’altra ottica… :)


May 07 2014

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

GA compra Adometry

autore: Marco Cilia categoria: generale tag: ,

Nella vita non si può conoscere tutto, per cui senza vergogna vi dico che Adometry io non l’ho mai sentita nominare. Ciononostante se Google ha deciso di comprarla, e se la notizia viene dal Google Plus ufficiale di GA è abbastanza chiaro con quale prodotto verrà integrato.

La parte più interessante del sito Adometry mi sembra quella in cui descrivono la tecnologia di integrazione “totale” delle fonti di dati utili al calcolo del customer journey: si parla senza mezzi termini di digital channels, offline channels e offline conversions, tre temi che ultimamente ci stanno molto a cuore, soprattutto con il passaggio a Universal Analytics.

Naturalmente passerà del tempo prima di vedere i risultati tangibili di questa integrazione, ma ho letto commenti molto eccitati a riguardo per cui sono sicuro che uscirà qualcosa di notevole. Aspettiamo e vediamo!


Apr 15 2014

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Introdotta la diagnostica automatica

autore: Marco Cilia categoria: report tag: ,

Ecco una feature della quale vi parlerò male, una volta tanto :)
Svelata al pubblico ieri, la diagnostica dovrebbe occuparsi di avvisare i webmaster di problemi inerenti le tracciature o le configurazioni di Google Analytics, ad esempio pagine senza codice di monitoraggio, goal che non ricevono visite, filtri, discrepanze tra clic e visite, eccetera… dico “dovrebbe” perché l’ho testata più volte nei mesi scorsi e ogni singola volta mi ritrovavo a controllare (e segnalare) falsi positivi, o segnalazioni completamente sbagliate.

Con questo non voglio dire che non sarà utile, una volta messa a punto, ma semplicemente che al momento (per la mia esperienza) è una funzione inutile. Ciò non toglie che il miglior modo per giudicare è fare test personali, magari siete più fortunati di me (o nel frattempo hanno riscritto completamente l’algoritmo). Nel caso fatevi sentire nei commenti.

Visivamente si presenta come una campagna in alto a destra con il numero di notifiche segnalate, ne più ne meno della campana delle notifiche di Google+, ma in ogni caso questa funzionalità è stata attivata su un certo numero di utenti, che sono pregati di mandare feedback che consentiranno di migliorarla ancora prima di rilasciarla ulteriormente.


Apr 02 2014

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Universal esce dalla beta. Ora il gioco si fa duro!

autore: Marco Cilia categoria: generale tag: ,

Il bello di stare a 9 fusi orari di distanza dal “centro del (mio) mondo” è che quando loro pianificano una big news tu sei fuori a cena. Mentre annunciavano Google Analytics Premium ero in pizzeria, oggi che Universal Analytics esce dalla beta ero a cena dai miei genitori (e dire che avrei potuto preparare un post in anticipo, ma che vuoi farci? :) ).

Quindi la news è questa, fresca fresca dal blog ufficiale, e da oggi le cose cambiano VERAMENTE per tutti coloro che vogliono fare digital analytics ad un certo livello. Vediamo le novità principali:

  • Ora Universal supporta tutte le feature dello strumento: quindi si potrà fare remarketing e usare i report demografici, avere l’integrazione con AdSense, insomma avere tutto quel che abbiamo sempre avuto nel Google Analytics “classico”.
  • Controllo dello UserID: si tratta del nocciolo di Universal, ovvero della possibilità di tracciare il vero utente unico, a prescindere da dove, come e quando si connette; ho un’app mobile, un sito mobile e un network di tre siti? non importa, se li traccio tutti nella stessa property e posso riconoscere l’utente, il sistema registrerà sempre un solo visitatore unico!. Il tutto tra l’altro è già disponibile anche su TagManager
  • Cross device report: in conseguenza di ciò, saranno introdotti i nuovi (oddio, mi fa un po’ sorridere, dato che li ho usati in beta parecchi mesi fa) report cross device, cioè dei report simili ai multichannel funnel focalizzati non sulle sorgenti ma sui dispositivi che lo stesso utente unico usa per arrivare alla conversione. Come si sovrappongono mobile e desktop? quale dei due è più utile per fare awareness e quale invece “chiude” la conversione? quale è la sequenza migliore di categorie di dispositivi che converte di più?
  • Processing basato sui fusi orari: fino ad oggi le property Universal venivano processate in base al fuso orario del Pacifico, anche se non saprei dire il motivo. In ogni caso su alcuni account più grandi questo determinava l’impossibilità di avere dati precisi fino al pomeriggio italiano. Uscendo dalla beta tutto tornerà come prima, almeno per quanto riguarda le property con meno di 200.000 visite al giorno
  • Possibilità di specificare l’IP nelle chiamate server side: il protocollo di misurazione, ce ne siamo accorti subito, è una grande cosa ma soffriva di un problema piuttosto grande: le chiamate venivano viste come provenienti dall’IP del server che le effettuava, annullando la possibilità di usare i report geografici. Da ora in poi questa cosa sarà falsa, e si potrà passare l’IP del client, ottenendo la stessa precisione cui siamo abituati per i report geografici

Come sempre in questi casi vi lascio un po’ di link utili, in aggiornamento man mano che li trovo in giro per il web:

Justin Cutroni con un post generale.
Daniel Waisberg, con un dettaglio sui report cross device


Mar 12 2014

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Remarketing dinamico direttamente da GA

autore: Marco Cilia categoria: generale tag: , ,

Ecco qualcosa di veramente interessante, che si aspettava da tempo: la possibilità di fare remarketing dinamico direttamente usando il codice di Analytics. Il remarketing dinamico è una feature che possono usare gli utenti con un account Google Merchant Center, che possono mostrare annunci sulla rete display di Google basati sui prodotti effettivamente visti dagli utenti, senza dover creare centinaia o migliaia di creatività, ma lasciando a Google l’onere di “comporre” dinamicamente l’annuncio.

Questo sino ad ora ha richiesto codici appositi, e da oggi invece si integra alla perfezione con Google Analytics, usando feature che già conosciamo. Vediamo nel dettaglio i passi da compiere:

  1. Creare almeno una lista di remarketing usando Google Analytics
  2. Aggiungere ai codici di tracciamento le variabili personalizzate (o le dimensioni personalizzate su Universal Analytics) con naming appositi, che traccino l’ID del prodotto, il prezzo del prodotto e il tipo di pagina
  3. Abilitare la feature dal pannello di amministrazione: proprietà -> remarketing -> attributi dinamici
  4. Creare una campagna di remarketing dinamico su AdWords

Un’altra integrazione importante per gli strumenti Google, sempre nell’ottica della semplicità e del riutilizzo delle feature, operazione che in Google Analytics sembra essere particolarmente efficace :)