Apr 30 2012

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Transiti su pagine non taggate

autore: Marco Cilia categoria: generale tag: ,

Google Analytics è un sistema di web analytics lato client basato su un pezzetto di codice javascript: ne consegue che tutto quel che non è taggato, per lui è invisibile. Detto così sembra banale, però non lo è quando si cerca di rispondere alla domanda “che succede quando si passa da una pagina senza tag?”
Di fronte a questa domanda ho sentito le risposte più fantasiose, e anche le più irrazionali. La risposta è: niente! La risposta completa in realtà sarebbe “dipende da QUANTO tempo trascorre sulla pagina non taggata” e il tutto parte dal presupposto che la pagina sia nello stesso dominio che si sta tracciando.

Se infatti la pagina non tracciata fa parte di un ALTRO dominio, o di un sottodominio che genera un altro set di cookie, o di un dominio terzo con lo stesso codice di GA ma non gestito con le apposite funzioni di passaggio dei cookie, allora il ritorno ad una pagina tracciata rientra nel caso di una visita da referrer: se il cookie __utmz contiene qualsiasi altra informazione, viene cambiato, viene generata una nuova visita e si vede un referrer.

Se invece si sta parlando di una normale navigazione A -> B -> C, dove la pagina B NON CONTIENE il codice di GA e le altre due si, quel che arriva ai server di Analytics è semplicemente A -> C; B non esiste, non avrebbe modo di sapere che esiste e non può essere tracciata. All’arrivo sulla pagina C Analytics si chiede “e questo visitatore chi è, da dove arriva?”, controlla se è presente il cookie __utmb (che scade dopo 30 minuti di inattività dell’utente), e se lo è semplicemente accoda la pagina C alla visita, e la piazza dopo la pagina A.

Se invece sulla pagina B l’utente trascorre più mezz’ora, allora si genera un nuovo cookie __utmb, quindi una nuova visita, con referrer il proprio sito. Ma questo accade in ogni caso in cui l’utente lascia scadere la sessione di visita, anche nei siti taggati perfettamente.

C’è però una cosa da tenere presente, che è una conseguenza del cambio di calcolo delle visite operato da Google Analytics nell’Agosto 2011: siccome prima di allora il modo per controllare se iniziare o meno una nuova sessione era il cookie __utmc (che veniva distrutto alla chiusura del browser), una sequenza come A -> browser chiuso -> B (il tutto entro mezz’ora) veniva vista come due distinte visite. Da dopo il cambio si tratta invece di una sola visita.


Dec 04 2009

Cambio di nome per alcune funzioni

Nel tentativo di migliorare la coerenza tra i nomi delle funzioni, Google ha cambiato nome a tre funzioni e nel contempo ha reso obbligatorio impostarne i parametri in millisecondi invece che in secondi:

_setVisitorCookieTimeout(millisecondi) prende il posto di _setCookiePersistence().
_setSessionCookieTimeout(millisecondi) prende il posto di _setSessionTimeout().
_setCampaignCookieTimeout(millisecondi) prende il posto di _setCookieTimeout().

_setVistorCookietimeout() imposta il numero di millisecondi trascorsi i quali il cookie che identifica un visitatore scade ed esso si presenta come un nuovo visitatore (posto ovviamente che non abbia fatto visite tra l’ultima impostazione del cookie e il momento in cui scade; ogni nuova visita postpone il momento della scadenza del cookie). Il valore di default è due anni (63072000000 millisecondi).

_setSessionCookieTimeout() imposta il numero di millisecondi che devono trascorrere senza visitare nuove pagine affinché la sessione di visita scada e il visitatore si presenti come un visitatore di ritorno incrementando il contatore delle visite. Il valore di default è trenta minuti (1800000 millisecondi)

_setCampaignCookieTimeout() imposta il numero di millisecondi trascorsi i quali il cookie che contiene le informazioni sulla provenienza del visitatore viene azzerato. Per maggiori informazioni potete rileggere il mio vecchio post. Il valore di default è sei mesi (15768000000 millisecondi; in giorni però sarebbero 182,5).

Già che ci siamo, come feci l’altra volta, vi lascio un elenco di valori convenzionali che potrebbero esservi utili usando queste funzioni:
1 giorno: 86400000 millisecondi
7 giorni: 604800000
14 giorni: 1209600000
15 giorni: 1296000000
30 giorni: 2592000000
60 giorni: 5184000000
90 giorni: 7776000000
120 giorni: 10368000000
180 giorni: 15552000000