Oct 20 2014

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Esporta e importa configurazioni dal TagManager (e nuova interfaccia)

autore: categoria: tagmanager tag: ,

Qualche giorno fa è stata svelata al pubblico la nuova versione dell’interfaccia del Google Tag Manager, uno strumento sempre più popolare ed interessante per velocizzare il digital marketing moderno. Le novità sono tante, ma una in particolare è passata completamente inosservata nei post che ho visto in giro: da adesso è possibile esportare e importare intere configurazioni. Tutti voi dovreste vedere una nuova voce nel menu attuale del GTM:

GTM-export

L’export avviene in formato JSON, mentre l’import può comportare due opzioni:

  • L’import sostituisce completamente il contenitore corrente
  • L’import unisce il contenitore importate con quello corrente

Oltre che essere utile per la migrazione all’interfaccia nuova, che vedremo tra poco, questo consente anche di avere un contenitore “repository” con tutto lo scibile che si può mettere a disposizione, e di usarlo velocemente per creare configurazioni alle quali basta poi togliere le feature inutili. Attualmente infatti ogni nuova configurazione riparte da zero.

Per quanto riguarda le altre novità, una strettamente collegata è l’introduzione delle API del TagManager. Ad esempio l’ottimo Simo Ahava ha già prodotto un primo “clonatore” di configurazioni, oltre a dun visualizzatore delle dipendenze di tag e regole. Come sempre, Google ha capito che fare un’API darà ampio respiro al prodotto e permetterà a molte persone di guadagnare dei soldi, man mano che le esigenze e le soluzioni aumenteranno.

E veniamo all’interfaccia, completamente rinnovata: la cosa più semplice è provarla andando su tagmanager.google.com, avendo bene in testa però che non esiste un processo di migrazione dei contenitori. Attualmente quindi avete due possibilità:

  • Continuate ad usare la vecchia interfaccia per i vecchi contenitore e la nuova per i futuri
  • Usate l’export e l’import per migrare alla nuova versione

In futuro, ha già chiarito Brian Kuhn su Google+, ci sarà la possibilità di fare opt-in per un processo di migrazione automatica, quindi niente paura!
Le novità principali sono:

  • gestione di account e contenitori in stile “Google Analytics”, nella sezione Admin: le colonne e le icone vi risulteranno molto familiari. Anche la possibilità di filtrare per nome “al volo” sarà molto utile a che gestisce decine o centinaia di account (uno a caso, ad esempio 🙂 )
  • overview migliorata, con il differenziale delle modifiche non ancora andate online. Questo può salvare ore di lavoro, perché ogni tanto ho visto fare modifiche nella bozza del contenitore, provarle in preview e dimenticarsi di pubblicare per il resto del mondo!
  • le regole ora si chiamano TRIGGERS, e funzionano leggermente in modo diverso da prima. Ovvero i triggers hanno sempre almeno due condizioni per essere definiti: CHE EVENTO si sta aspettando e DOVE lo si sta aspettando (definito tramite un filtro)
  • i tag di listener non esistono più: sono stati resi impliciti nel fatto che se ho un trigger di tipo EVENTO CLICK sulla pagina X, allora dovrà per forza esserci anche un listener di click. Keep it simple! 🙂
  • le macro ora si chiamano VARIABILI. Ha molto più senso così, non s’era mai capito perché la scelta di quel nome niente affatto parlante per i profani. In aggiunta, le variabili create automaticamente dal GTM quando si crea un contenitore possono essere nascoste, se non servono.

All’inizio ho trovato un po’ spiazzante la nuova interfaccia, ma sto iniziando ad abituarmici. Vi consiglio di fare delle prove perché non si tratta di un passaggio completamente “liscio”, secondo me. E’ in ogni caso un deciso passo nella direzione giusta. Prossimamente mi aspetto l’introduzione delle “cartelle” di tag, per mettere ordine negli account più grossi, una migliore gestione del multi-utente, con permessi differenziati per team distribuiti e magari anche un processo di approvazione multi-livello.

Sempre in tema di novità segnalo anche il rifacimento dell’estensione di Chrome “Tag Assistant“. Qui al momento continuo a preferire la versione vecchia, ma chissà…

Condividi l'articolo:

1 Commento

Trackbacks

  1. Come funziona Tag Assistant Recording • Google Analytics in 30 secondi

Scrivi un Commento