Jul 02 2012

La recensione dell’app Android ufficiale di GA

autore: categoria: codice di monitoraggio

Essendo un possessore di lunga data di telefonini Android (sono al terzo modello, ormai) non posso esimermi dallo scrivere le mie impressioni relativamente all’applicazione ufficiale di Google Analytics, lungamente attesa e che non ha deluso le aspettative.

Per prima cosa, se non l’avete ancora scaricata, la trovate gratuitamente nel Play Store, a questo indirizzo: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.google.android.apps.giant.
La prima cosa che l’applicazione chiede, una volta aperta, è l’account al quale collegarsi: se avete un cellulare android è facile che sia esattamente l’account Google che avete già configurato nel telefono, per cui vi basta sceglierlo: se ne avete più d’uno, sarà possibile consultare tutti i profili/account a cui avete normalmente accesso nell’interfaccia tramite quelle email.

Gli account sono elencati in ordine alfabetico, ma esiste un gruppo che viene prima degli altri: i profili “utilizzati di recente”; questo è utile se come me avete accesso a svariate decine di profili: quelli che usate più spesso saranno sempre a portata di dito. Sarebbe bello se si potessero mettere le stelline ai profili preferiti, o ancora meglio se l’applicazione riconoscesse già i profili cui abbiamo messo la stellina sull’interfaccia web; speriamo sia una miglioria futura.

GA official app

Appena selezionato un profilo, l’applicazione si apre sulla prima delle quattro schermate a disposizione: il tempo reale: si tratta di una versione compressa in un unico schermo del report Real-time che già conosciamo, quindi mostra il numero di visitatori attivi sul sito, la loro suddivisione per fonte di traffico, le principali pagine su cui ci sono visitatori e i principali referrer. Non ci sono invece le keyword e le campagne.

Il passaggio da una schermata all’altra avviene scorrendo con il dito a sinistra o destra, come ci hanno ormai abituato le applicazioni che usano l’interfaccia Holo tipica della versione di Android denominata Ice Cream Sandwich. Scorrendo quindi a sinistra si arriva alla dashboard, cioè uno spazio in cui troviamo il grafico dei visitatori unici giornalieri e il conversion rate giornaliero. A questa dashboard possiamo eventualmente aggiungere una metrica tra le molte a disposizione, e possiamo anche specificare alcuni parametri aggiuntivi: l’intervallo di campionamento per questa matrica (orario, giornaliero, settimanale o mensile), un segmento avanzato (ma solo tra quelli già definiti nell’interfaccia web), l’intervallo di date a cui il grafico si deve riferire (da 1 giorno a 6 mesi, con step predefiniti) e se includere o meno oggi nel grafico. Una volta che il grafico è nella dashboard, toccando in corrispondenza di un giorno appariranno sia la data sia il valore assunto dalla metrica.

La terza schermata è quella degli avvisi automatici, quello che nell’interfaccia chiamiamo Intelligence di GA: questa schermata mostra gli avvisi relativi al periodo, esattamente come se guardassimo Google Analytics: per ognuno di essi è disponibile un dettaglio e – molto molto comodo – la possibilità di condividere al volo questo avviso. La condivisione può essere effettuata utilizzando qualsiasi mezzo disponibile nel vostro telefonino: oltre ai classici Email, Google+, SMS e Bluetooth, potreste trovare applicazioni che avete installato e che sono in grado di inviare messaggi. Io ad esempio potrei twittare un avviso, salvarlo su Springpad o su Dropbox, creare un task su Google Task o farci un post per WordPress, voi avreste altre opzioni.

L’ultima schermata è quella degli avvisi personalizzati, ma essi saranno presenti se e solo se ne avrete configurati alcuni sull’interfaccia web. Di tutte questa mi sembra forse la schermata meno utile, perché se voglio essere avvisato avrò già spuntato la casella “avvisami via email” quando avrò creato il segmento. Comunque sia, la funzione c’è.

Come ho detto qualche giorno fa, non è un’applicazione che spazzerà via dal market tutte quelle che già esistono, e questa è una buona mossa da parte di Google: è tuttavia un’applicazione molto utile se avete spesso necessità di controllare in mobilità e molto velocemente alcuni aspetti molto precisi (e soprattutto già noti) dei vostri profili.

Condividi l'articolo:

3 Commenti

  1. Ma per iOs non esce nulla?

  2. Fa esattamente quello che serve a me: mi permette di avere un occhio veloce ai dati, con quel pizzico di flessibilità che non guasta.

    Il grosso della configurazione si fa su desktop, ma va bene così: io su mobile voglio solo vedere i dati, devo metterci 30 secondi e poi via 😉

  3. In effetti per una rapida occhiata ai dati principali è più che buona e su uno smartphone va benissimo. Forse su un tablet da 10” può risultare un po’ limitata ma va bene così. Come dici giustamente tu Martino il “grosso” si fa su desktop 😉

Scrivi un Commento