Jul 04 2008

raggruppare le visite da altri domini

autore: categoria: filtri tag: , ,

Se non vi piace il filtro che ho proposto nel post “filtrare solo il proprio dominio mantenendo la cache di Google” perché non trovate così rilevante il problema o perché volete avere ugualmente sotto controllo anche le visite tracciate dal vostro codice di monitoraggio su domini esterni (che non comprendono solo la copia cache di Google, ma anche i servizi di traduzione, o le cache degli altri motori di ricerca o di servizi terzi) esistono due filtri che vi permettono di raggruppare tutte queste visite per poter effettuare selettivamente efficaci segmentazioni. E’ una soluzione che propone Chadwick A. Wood in un suo post, e che è simile concettualmente a quella che ho proposto io in ambito leggermente differente.

primo filtro:

nome: Organize traffic by domain
campo A -> Estrai A: Hostname | ^(.*)$
campo B -> Estrai B: Request URI | ^(.*)$
Output in -> Constructor: Request URI | /otherdomains/$A1$B1
Campo A obbligatorio SI
Campo B obbligatorio SI
Sostituisci Campo di output SI
Maiuscole/minuscole NO

secondo filtro:

nome: Don’t organize my traffic by domain
Campo A -> estrai A: Request URI | ^/otherdomains/www\.mydomain\.com(.*)$
Campo B -> estrai B: –
Output in -> Constructor: Request URI | $A1
Campo A obbligatorio SI
Campo B obbligatorio NO
Sostituisci Campo di output SI
Maiuscole/minuscole NO

L’ordine dei due filtri è fondamentale. In sostanza questi due filtri riscrivono sempre e comunque l’hostname nella forma hostname+URI della richiesta, salvo poi cancellare l’hostname nel caso in cui combaci con il nostro dominio. All’atto pratico una visita dalla cache di Google viene trasformata in otherdomain/www.google.com/search=q… e una dal nostro dominio otherdomain/www.goanalytics.info/index.php, mentre al secondo passaggio la prima visita rimante tale e quale, la seconda torna a essere www.goanalytics.info/index.php

Si fa un lavoro doppio, ma il report Visitatori > Nomi host ora dovrebbe essere molto più ordinato

Condividi l'articolo:

Scrivi un Commento