Sep 21 2010

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo rosso - articolo per esperti

Baco in Chrome che coinvolge Analytics e i frame

autore: Marco Cilia categoria: javascript tag: , ,

[edit 25/09/2010: come confermato anche sul blog ufficiale, il baco in Chrome è risolto a partire dalla versione 6.0.472.63, già in distribuzione automatica presso gli utenti. Nel post trovate anche un segmento avanzato che dovrebbe evidenziarvi se e quanto siete stati affetti dal problema]

Oggi il buon Francesco Gori mi chiama in chat per sottopormi un quesito veramente incredibile, e dopo un po’ di ricerche approda anche a questo thread del supporto ufficiale: Google Analytics tracking broken on Chrome 6+.

In sostanza pare che Chrome 6 abbia un baco che influenza i conteggi di Google Analytics. Il problema è stato segnalato una prima volta il 13 settembre, e lo stesso giorno è apparsa anche questa segnalazione (issue 55372) sul bug tracking del progetto Chromium, da cui deriva il browser Chrome.
Gli screenshot sono piuttosto chiari, e numerose persone si accodano alla richiesta di spiegazioni e soluzioni. Ciononostante la mia risposta iniziale a Francesco è stata “no, non mi è mai capitato”, e anche dopo opportune verifiche sui miei profili, con segmenti avanzati e report personalizzati, confermo che nei siti che monitoro non succede. Eppure, come tutti voi, ho la mia buona percentuale di visitatori che usano Chrome in tutte le sue versioni, quindi teoricamente dovrei vedere anche io gli stessi effetti.

Proseguendo la lettura si scopre che un dipendente Google ha confermato l’esistenza di questo baco, che se devo essere sincero non riesco a comprendere sino in fondo. Mi basta sapere che il fenomeno si manifesta in presenza di frame e iframe, e che il baco consiste nell’errata scrittura di un “meno” in alcuni cookie che causano la perdita di memoria a Google Analytics, che identifica come nuovi visitatori anche visitatori di ritorno, con le ovvie conseguenze del caso sulle pagine viste e la media di pagine per visita. Letteralmente:

This bug manifests itself when you load ga.js in a parent frame and an iframe. The buggy instanceof check is causing cookies to be overwritten with dashes, which causes GA to think that the visitor is brand new.

Per verificare il problema potete visitare questa pagina creata da Google http://analytics.nfshost.com/chrome_six_bug/index.html e magari fare un paio di refresh: a un certo punto vedrete alcuni cookie, compreso __utma, svuotarsi o essere sostituiti con dei meno, cosa che non dovrebbe affatto accadere.

Secondo il dipendente Google, il team di Analytics è in cerca di una soluzione temporanea, ma la risoluzione definitiva spetta agli sviluppatori di Chrome. Anzi, secondo lui il baco dell’interprete javascript di Chrome, il famoso V8, è stato risolto il 17 settembre e bisogna solo attendere che la modifica venga inserita all’interno delle release stabili di Chrome distribuite in rete.


Jan 27 2010

Come segnalare bug e miglioramenti nelle API

autore: Marco Cilia categoria: API tag: ,

Anche Google Analytics, come molti altri prodotti Google, ha un posto dove si possono segnalare idee per miglioramenti, bug e si può controllare lo stato delle segnalazioni aperte. Fino a pochi minuti fa non lo conoscevo, e si trova a questo indirizzo: code.google.com/p/gdata-issues/issues/entry. Purtroppo le segnalazioni sono relative solamente alle export API.

Bisogna selezionare nella casella “Template” Analytics (Defect Report) se si vuole segnalare un bug, oppure Analytics (Enhancement Request) se si vuole suggerire una miglioria, e poi bisogna compilare la casella Description con le informazioni richieste: un riassunto del problema, i passi necessari a riprodurlo, le informazioni che ci si aspetterebbe il sistema debba restituire e quelle invece attualmente restituite, ed eventualmente qualche nota. Ovviamente prima di aprire una segnalazione è bene assicurarsi che non ve ne sia già una al vaglio dei tecnici, e questa operazione si può fare dalla schermata “Issues”, eventualmente filtrando solo le segnalazioni relative ad Analytics tramite il menu a tendina che compare cliccando la freccia verso il basso a fianco di API.

Nel momento in cui scrivo – e la cosa è confortante – ci sono 33 segnalazioni aperte: soltanto 5 sono relative a bug, tutte le altre sono suggerimenti di miglioramenti 🙂


Feb 08 2009

Bug nella selezione delle dimensioni

autore: Marco Cilia categoria: report tag: ,

Oggi vi segnalo un “baco” in Google Analytics che si presenta guardando il report “contenuti principali”: le pagine visualizzate di un dato contenuto nel riepilogo non coincidono con quelle del dettaglio quando si seleziona una dimensione dal relativo menu a tendina. Per capirci con una immagine (clicca per ingrandirla):

bug-content-report

selezionando la dimensione keyword (o città, o altro) le pagine visualizzate passano da 1625 a 2170.

In realtà non è propriamente un baco, ma uno strano comportamento deliberatamente progettato. Il concetto alla base di tutto è che i contenuti vengono elencati per pagine viste, ma le dimensioni sono basate sulle visite. Se il totale delle pagine viste in un dato giorno è 100, sarà 100 anche il totale mostrato nel report “contenuti principali”. Ora, assumiamo che solo un visitatore da Roma guardi la pagina “scarperosse.htm”, ma che guardi anche altre tre pagine. Il report dei contenuti riporterà correttamente 1 pageview per la pagina scarperosse.htm, e così anche selezionando il dettaglio dei dati disponibili per quella pagina. Passando però al segmento Città tramite il menu a tendina “dimensione”, le pagine viste passano a 4 perché il totale delle pagine viste da Roma è quello.

La buona notizia è che anche gli ingegneri di Google concordano che questo comportamento, benché corretto dal punto di vista numerico, è fuorviante dal punto di vista delle analisi. Il 19 dicembre scorso, in questo thread del forum ufficiale, Analyticspro.Anna rispondeva:

Hey Guys,

Thanks for bringing up this issue. We have heard about this issue from many people and are working on this. We will get this fixed as soon as possible.

Thank you all for your patience in the mean time.

Dall’idea che mi sono fatto leggendo il thread, in particolar modo le risposte dell’utente Shoretel (che stimo particolarmente), ho idea che la soluzione non sarà introdotta nel brevissimo periodo…

e un grazie al sempre prolifico Marco Ziero, che mi ha fatto sbattere il naso nel problema con una delle sue solite domande a bruciapelo 🙂