Feb 11 2017

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Tutti pazzi per DataStudio

autore: Marco Cilia categoria: datastudio tag: ,

La “novità” del momento sembra proprio essere DataStudio. Tutti parlano di DataStudio, tutti usano DataStudio.
Google ha aggiunto il connettore per la search console, evviva! 🙂
Google ha aggiunto il connettore per il centro clienti AdWords, hip hip hurrà!
Addirittura ho letto in giro che “Google ha introdotto una versione free di DataStudio”.

In realtà DataStudio esiste da mesi (anni per chi ha partecipato alle preview alpha e beta), e in Italia è circa da maggio che si può usare; l’unica novità è la rimozione del limite a 5 report. Così adesso si possono fare dei bei lenzuoloni di 87 report, che non verranno letti tanto quanto i powerpoint di 87 slide 😀
Rispetto ai connettori, è ovviamente meglio averli nativi: più supporto, meno passaggi, più mantenibili, ma in realtà non c’è niente che si possa fare ora che non si potesse fare anche prima con un minimo di lavoro in più, tipicamente passando per Google Drive.

La vera sfida, secondo me, sarà vedere quando Google supporterà – e come e quali – servizi esterni che attualmente invece hanno connettori specifici su altri strumenti di dashboarding: penso a tool come Pingdom, Moz, Searchmetrics, Optimizely, Mailchimp, eccetera…
Riguardo a DataStudio in sé, ci trovo ancora parecchie limitazioni piuttosto insensate. due su tutte?

  • se includo due datasource in un report, non posso fare la somma della stessa metrica
  • non posso calcolare al volo/rappresentare la % sul totale di una metrica

E voi? avete trovato dei grossi limiti, o riuscite a fare tutto quel che vi serve?


Sep 28 2016

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo verde - articolo per tutti

Optimize e Data Studio free

autore: Marco Cilia categoria: tagmanager tag: , , ,

Quando Google annunciò Optimize 360 e Data Studio 360, la prima cosa che venne in mente a tutti fu che si trattava del processo inverso “al solito”. Ovvero normalmente Google lancia un prodotto free, e poi introduce una versione enterprise. Optimize 360 esisteva solo a pagamento, Data Studio free solo per gli Stati Uniti.

Oggi si rimedia a quel gap, introducendo Optimize free ed espandendo Data Studio free anche in altri paesi, Italia compresa.

Optimize, per chi non lo sapesse, è un tool di AB testing che incorpora un editor WYSIWYG (quel che vedi è quel che ottieni), che consente di modificare visualmente le pagine di un sito e quindi di testare differenti versioni senza bisogno di scomodare designer, grafici e reparto IT. Si tratta di una versione limitata, soprattutto sul lato integrazioni, ma per un uso small business è chiaramente più che sufficiente. Optimize è attualmente in fase di preiscrizione, quindi andate a questa pagina e lasciate la vostra mail.

Data Studio è un tool di dashboarding, in grado di collegarsi nativamente a molti prodotti Google (ma in futuro verranno aggiunti altri connettori) e creare semplici o elaborate dashboard utili alla comprensione al volo delle performance di un’attività digital. Ovviamente si tratta di possibilità molto maggiori rispetto alle dashboard interne di GA, che sono piuttosto limitate sia in termini di numeriche (massimo 12 widget) sia soprattutto per via del fatto che incorporano solo dati presenti su Analytics. Data Studio è già disponibile al seguente indirizzo: datastudio.google.com

Se tutto ciò non bastasse, aggiungiamo altre due note: in primis Google Tag Manager aggiunge altri 20 template tag alla sua lista, che non sarà ancora corposa come quella di altre soluzioni concorrenti, ma inizia a farsi interessante. Secondariamente – si fa per dire – Analytics introduce il Session Quality Score, una nuova metrica basata sul machine learning che tenta di predire la probabilità che un visitatore faccia una conversione. Utile, se mi fido dell’algoritmo, per affinare eventuali liste di remarketing che vengono create a partire dai dati di GA.

Se proprio volessimo andare fino in fondo, ci sarebbe anche da aggiungere che da oggi la nuova raccomandazione per l’installazione di un Google Tag Manager è cambiata: ora sia la documentazione ufficiale sia lo snippet fornito dall’interfaccia consigliano di spezzare il tag contenitore in due parti: la parte “classica” da mettere in HEAD e la parte “noscript” da mettere in BODY.