Apr 11 2014

HelpSemaforoQuesto semaforo indica il livello difficoltà del post
semaforo giallo - articolo avanzato

Come funzioneranno userid e report cross-device

autore: categoria: generale tag: ,

Il sempre ottimo Justin Cutroni ha scritto un post piuttosto lungo per illustrare nel dettaglio il funzionamento dei nuovi report cross device che si sbloccheranno con l’avvento di Universal Analytics, che ormai uscito dalla beta è in rampa di lancio verso tutti i nostri account e siti.
Oltre che consigliarvi la lettura, mi preme riportare qui alcuni tratti salienti e alcune precisazioni che vale la pena di riportare per tutti:

In primo luogo, l’ho capito da alcune domande che mi hanno fatto recentemente, mettetevi in testa che non è Universal da solo che riconoscerà l’utente unico: sarebbe contro la privacy e sarebbe anche abbastanza spaventoso, no? 🙂 Anche se il sito usa Universal e mi collego con due browser diversi, continuo ad essere due utenti unici diversi ed essere conteggiato due volte. MA – ed è questa la novità – se il webmaster è in grado di riconoscere l’utente (e non parlo PER FORZA di farlo loggare, basta trovare un modo per essere certi della sua identità), allora può indicare questo USER ID a Universal e lui si preoccuperà di “riunire” le sessioni sotto un unico utente unico. Come avviene questa cosa nel codice? così


ga('create', 'UA-XXXX-Y', 'auto');
ga('set', '&uid', {{ USER_ID }});
ga('send', 'pageview');

Secondariamente, Google Analytics non tornerà indietro nel tempo per ripescare tutto quel che l’utente ha fatto nelle sessioni precedenti, quando non era loggato, dopo che assocerà un certo cookie id con lo user id fornito dal sito. Ancora una volta, si tratta di una scelta conservativa nei confronti della privacy degli utenti. Quel che invece sicuramente farà sarà unificare le sessioni che hanno uno user id in comune, calcolando un solo utente unico. Come? anzi dove?

Lo farà in un’altra vista, che dovrà essere creata apposta ed essere specificatamente marcata per funzionare con lo user id. Si tratterà, come è facile intuire, di una sotto-vista della principale, con meno dati (o al massimo con gli stessi dati, se per assurdo identificassimo il 100% delle visite) e con la possibilità di selezionare un range temporale massimo di 90 giorni, come già avviene nei multichannel funnel.

Quali report ci saranno, quindi?
Il primo report sarà una panoramica della percentuale di utenti che finiscono nella vista con user id: più è alta la percentuale, più dati “unificati” ci saranno nella vista. Il secondo è un report che mostra le sovrapposizioni tra i diversi device, alla stregua della panoramica dei multichannel funnel. Il terzo mostra quanto ogni tipologia di device “assista” gli altri nel processo di conversione, e quanto sia in alto (awareness) o in basso (closing) nel processo di conversione. Il quarto mostra esattamente come ogni device sia interconnesso agli altri, in un processo sequenziale del tipo Desktop -> Mobile -> Desktop (conversione).

Se date un’occhiata agli screenshot di Justin e poi considerate che il tutto è segmentabile, potete capire effettivamente che si tratta di un grosso balzo in avanti nella comprensione delle meccaniche del processo di conversione.

Condividi l'articolo:

5 Commenti

  1. Una funzionalità attesissima, soprattutto da chi ha numerosi prodotti online! Non vedo l’ora, sono noti i tempi di roll out? Grazie, un ottimo post.

  2. no, niente tempi di rollout, spiacente 🙂

  3. E’ possibile passare l’user-id anche come dimensione custom in modo da poter avere disponibili nei report dati di comportamento relativi a un particolare utente ?

Trackbacks

  1. Regalini di Pasqua dal team GA • Google Analytics in 30 secondi
  2. Spia il singolo utente (ma teoricamente senza sapere chi sia :) ) • Google Analytics in 30 secondi

Scrivi un Commento