Oct 02 2009

Migliora il tracciamento della ricerca interna

Tracciare cosa cercano gli utenti tramite il motore interno è molto importante quando si fa web analytics, perché è fonte di informazioni dirette sui contenuti più interessanti che spesso non sono abbastanza valorizzati. I dati che si possono estrarre guardando alla ricerca interna sono però molti di più, e combinarli con il resto delle informazioni che il software di web analytics ci fornisce accresce di molto le nostre possibilità di comprendere meglio cosa accade sui siti.

In effetti la ricerca interna è fonte anche di un’altra importantissima informazione, se riusciamo a catturarla: cosa l’utente cerca ma non trova sul nostro sito, cioè contenuti che ci vengono richiesti ma che non forniamo. Questo è il motivo per cui Justin Cutroni ha scritto un interessante post su come tracciare le ricerche con zero risultati (link non più disponibile). Purtroppo è un post molto tecnico e non credo riuscirei e renderlo meno “spesso” di così traducendolo. Se volete tracciare le ricerche con zero risultati, quella è la via.

C’è però una buona notizia: se usate WordPress, monitorate la ricerca interna e avete il plugin per Google Analytics di Yoast (tra l’altro tre condizioni che avevo già raccomandato in passato 😉 ) vi basta aggiornarlo all’ultima versione – cioè la 3.2.3 – e seguire le semplici istruzioni contenute in questo video:

Configuring Site Search Tracking in Google Analytics from Joost de Valk on Vimeo.

Ovvero andare in modifica del profilo, poi dire “Sì” alla domanda “Utilizzi categorie per la ricerca su sito?”, digitare cat come “Parametro di categoria” e infine dire a GA “Sì, rimuovi i parametri di categoria dall’URL” tramite l’ultima opzione. Facile, no? 🙂

Ulteriore segno del grado di interesse che desta la ricerca interna è questo post di Tom Pitts, che consente di tracciare anche il numero di risultati per ogni ricerca. Per utilizzare questo metodo è necessario modificare l’header globale del template, la pagina che mostra i risultati delle ricerche e il codice di monitoraggio di GA.

Condividi l'articolo:

4 Commenti

  1. Ciao Marco,
    sapresti darmi una dritta riguardo alla site search?

    Ho navigato a lungo qua e là ma non sono stato in grado di trovare una risposta soddisfacente.

    Il problema è questo. Cosa succede se la mia ricerca è asincrona?
    Anzi, più che cosa succede-lo so fin troppo bene- come posso fare per tracciare la ricerca interna in questo caso?
    C’è un modo per richiamare una funzione in modo arbitrario che si colleghi alla site search?

    Grazie in anticipo,
    PP

  2. cosa intendi con ricerca asincrona?

  3. Ottimo post. Utilizzo anche io il pluin di Joost de Valk e ho trovato molto semplice l’attivazione delle ricerca del sito. Una domanda. Cosa comporta rimuovere o meno i parametri di categoria e di ricerca dall’URL?

  4. la cateogoria Joost la usa per monitorare le ricerche con zero risultati. Siccome sono funzinoali solo a quello, e non servono realmente a GA per la categorizzazione delle ricerche interne, vanno rimossi

Scrivi un Commento