Dec 10 2008

Il 2009 di Google Analytics

autore: Marco Cilia categoria: generale tag: , ,

Joe di Morevisibility.com inizia il classico giochino di fine anno con le previsioni per i dodici mesi che stanno per arrivare, ovviamente riguardanti il sistema di web analytics made in Google. Ecco cosa prevede:

  • urchin.js sarà eliminato e tutti saranno costretti a migrare a ga.js. Questa è facile: tralasciando il fatto che i vantaggi di ga.js stanno diventando schiaccianti (monitoraggio eventi, tanto per dirne una), quando ci fu la riscrittura a oggetti del sorgente di Analytics tutti i Google Analytics Authorized Consultant precisarono che il supporto al vecchio codice sarebbe andato avanti ancora per 12-18 mesi. Essendo stato introdotto il 13 dicembre 2007, in entrambi i casi si finirebbe nel 2009.
  • Google Website Optimizer sarà integrato dentro a GA. E’ una delle tante cose ce prima o poi Google farà per arrivare a quello che abbiamo deciso di chiamare Google Business Platform. Ritengo che una prima integrazione sia fattibile durante il 2009, almeno a livello di interfaccia di accesso, come adesso si può accedere ad Analytics da dentro al pannello AdWords
  • Saranno aggiunte nuove sezioni di report, come “blog”, “social media” o “mobile”. A causa di questo fatto Google dovrebbe raggruppare alcuni siti che adesso appaiono come referrer e creare un nuovo mezzo al pari di referrer, motori di ricerca e campagne. Aggiungo che se succederà, dovranno essere assolutamente introdotte funzioni per il controllo di questo nuovo mezzo, al pari di _addOrganic e _clearOrganic, perché il valore dei social media varia molto da paese a paese.
  • Sarà aggiunta una sezione di path analysis. Oppure saranno pesantemente ristrutturati i report esistenti, che al momento sono utili ma non consentono analisi troppo approfondite, e che sono sostanzialmente identici a quando GA fu presentato per la prima volta.
  • La sezione di report subirà una pesante ristrutturazione. Ad esempio si possono solo schedulare gli invii degli export su base giornaliera, settimanale, mensile o trimestrale e non si può fare molto più che modificare oggetto e corpo dell’email.

Aggiungo che secondo me il 2009 è l’anno buono per l’integrazione di Feedburner dentro a Google Analytics, ipotesi che non solo si rafforza in virtù del punto tre predetto da Joe (i feed sono molto diffusi nei blog e nei social network), ma che trova un indizio nel fatto che da pochi giorni Google ha iniziato a migrare forzatamente i vecchi feed sul dominio feedburner.com sul nuovo dominio di proprietà feedproxy.google.com. I feed su questo nuovo dominio possono poi, tra l’altro, usufruire di Adsense per i feed, e i rapporti Adsense si stanno piano piano attivando anche su GA. E il cerchio si chiude.

Quali sono invece le vostre previsioni per il 2009 di Google Analytics?


Jun 11 2008

funzioni: _clearOrganic() _clearIgnoredRef() _clearIgnoredOrganic()

autore: Marco Cilia categoria: funzioni tag: , , ,

Le funzioni del giorno servono a ripulire scelte effettuate in precedenza con omologhe funzioni prima che i dati vengano trasmessi ai server collettori di Google. Tutte e tre non necessitano di nessun parametro in ingresso. _clearIgnoredOrganic() ripulisce la lista di parole chiave da trattare come visita diretta impostata tramite addIgnoredOrganic mentre _clearIgnoredRef() ripulisce la lista dei referrer da ignorare e trattare come visite dirette impostata tramite addIgnoredRef. Non mi è mai capitato di usare queste funzioni nè di vederle implementate in qualche sito di cui ho guardato il sorgente.

_clearIgnoredOrganic() invece è interessante e ci permette di azzerare completamente la lista dei motori di ricerca, sia quelli impostati tramite addOrganic sia quella predefinita da Google. C’è quindi una differenza fondamentale da tenere a mente: le prime due funzioni servono a resettare impostazioni date da noi, mentre clearOganic è in grado di azzerare anche una impostazione predefinita da Google. Nel momento in cui viene chiamata la funzione cancella completamente la lista dei motori di ricerca. L’uso tipico di questa funzione è quello di azzerare la lista dei motori e costruirsene una personalizzata, ad esempio distinguendo ogni estensione nazionale di Google (.it .fr. .co.uk eccetera). Un altro uso potrebbe essere quello di aggiungere la ricerca di immagini di Google come una fonte organica invece che come referrer in un sito-raccoglitore di foto.

Il solito Brian Clifton, nella sezione del suo blog dedicata agli script, ha una funzione già pronta per fare questo mestiere, sebbene in beta. Per utilizzarlo bisogna salvare il file sul proprio server e richiamarlo dopo la chiamata a ga.js ma prima dell’inizializzazione del GATC, quindi in questo modo

<script type="text/javascript">
    var gaJsHost = (("https:" == document.location.protocol) ? "https://ssl." : "http://www.");
    document.write(unescape("%3Cscript src='" + gaJsHost + "google-analytics.com/ga.js' type='text/javascript'%3E%3C/script%3E"));
  </script>

<script type="text/javascript" src="custom_se-ga.js" />

  <script type="text/javascript">
    var pageTracker = _gat._getTracker("UA-XXXXXX-X");
    pageTracker._initData();
    pageTracker._trackPageview();
  </script>