Apr 30 2009

Lo zombie initData a volte disturba

Matt Cutts zombieCome vi ho detto qualche tempo fa, nei nuovi codici di monitoraggio che copiaincollate da Google Analytics è sparita la riga relativa a initData(), funzione soppressa dagli ingegneri di Google e chiamata implicitamente ed automaticamente dallo script. Se non avete provveduto a modificare i vostri codici di tracciamento (GATC) avete, appunto, uno zombie in casa: una funzione morta che cammina ancora tra le vostre pagine :)

Non fa male, di per sé, tranne per il caso citato oggi da Lunametrics, ovvero se avete alcune pagine con initData e alcune pagine senza; ad esempio perché avete aggiunto delle pagine nuove e avete copiato il codice dal pannello di Analytics invece che da una vostra pagina vecchia. In questo caso i cookie di GA possono essere scritti in forme leggermente differenti, e questo è fonte di errori e perdita del tracciamento del percorso del visitatore, quindi è male.
E’ un problema che nemmeno i controlli automatici come SitescanGA possono individuare, per cui è vostra cura assicurarvi di avere un GATC coerente su tutte le pagine.

Ricapitolando quindi le due regole fondamentali:

  • non possono coesistere chiamate a urchin.js e ga.js nella stessa pagina; possono coesistere nello stesso sito, ma è sconsigliato. Se possibile usate solo ga.js
  • se avete codici che contengono la chiamata a initData() dovrete scegliere se rimuoverla da tutte le pagine in cui è presente o aggiungerla in tutte le pagine in cui è assente

Condividi l'articolo:

1 Commento

Trackbacks

  1. Initdata e tracciamento eventi · Google Analytics in 30 secondi

Scrivi un Commento